Questo sito contribuisce alla audience di

Il Bufalaro

... ti accompagnava il canto dei galli...

Al primo ammiccare del giorno in cielo
eri per ritornare al tuo lavoro
dopo il turno di tregua settimanale
o bufalaro della piana del Sele
e pensavi alle bufale nello stazzo.

Anzi con te stesso rimuginavi
quale episodio della tua esistenza
potevi raccogliere in una frase
e battezzare la bufala giovane
prossima a diventare madre.

Andavi sull’orlo della statale diciotto
con l’aria fiera dell’ex bersagliere
contento della frase combinata
e ti accompagnava il canto dei galli
che con rauchi gridi si rincorrevano
di podere in podere in aerea gara.

Urtato dal rimorchio di un autotreno
stramazzasti sul duro della strada.

A più non posso le bufale muggirono
pazze di dolore e non fu solo
per le gonfie mammelle non sgravate.

Ma tu il loro muggito non sentisti
perche giacevi sul letto della strada
o bufalaro della piana del Sele
e dal bianco lenzuolo ti fuoriuscivano
le rose gialle delle callose mani
emananti profumo di pietà.

Italo Rocco

Le categorie della guida