Questo sito contribuisce alla audience di

Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare

Il Comitato rappresenta l’interfaccia italiana dell’EFSA ed è stato istituito al fine di promuovere e coordinare l’attività di definizione di criteri uniformi di valutazione del rischio alimentare.

La globalizzazione

aumenta i rischi alimentari

e i pericoli per la salute.

Con il Comitato, il governo dà la garanzia

di mettere in campo tutte le forze migliori

per tutelare gli interessi degli italiani,

sia dei cittadini sia delle imprese.

Girolamo Sirchia

Il Ministro delle Politiche agricole e forestali, Gianni Alemanno, e il Ministro della Salute, Girolamo Sirchia, hanno presentato in data 23 dicembre, alle ore 15, presso l’Auditorium di Lungotevere Ripa 1, il Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare (Cnsa), istituito con l’Intesa Stato Regioni e Province autonome del 17 giugno.

Il Comitato rappresenta l’interfaccia italiana dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ed è stato istituito al fine di:

promuovere l’attività di definizione di criteri uniformi di valutazione del rischio alimentare;
coordinare tali azioni;
proporre metodi di pianificazione dei programmi di monitoraggio e sorveglianza per il controllo della sicurezza dei prodotti agroalimentari;
verificare la corretta applicazione della normativa relativa alla sicurezza alimentare e alle biotecnologie.
I rappresentanti designati sono i seguenti:

- ministro della Salute - presidente;

- Giuseppe Ambrosio vicepresidente;

- Matteo Antonicelli - regione Puglia;

- Maurizio Ceci - regione Emilia Romagna;

- Franco Cotaldo - regione Campania;

- Romano Mirabelli - ministero della Salute;

- Giovanni Monastra - Inran;

- Giovanni Vincenzi - regione Veneto.

La Consulta scientifica del Comitato, che annovera esperti dei principali enti e istituti di ricerca italiani, esprimerà pareri su additivi alimentari, aromatizzanti, mangimi e prodotti destinati all’alimentazione animale, Ogm, biologico, dietetici, residui e contaminanti, metodi di produzione, conservazione, confezionamento e trasporto.

Le categorie della guida