Questo sito contribuisce alla audience di

Ingredienti giusti e dosi corrette

Il sesso vissuto in modo pieno e gioioso è paragonabile ad una gustosa torta, preparata con dolce amore, attenzione meticolosa alla qualità degli ingredienti e cura sapiente dei particolari.

Cosa hanno in comune il sesso e una torta?

Molto, a partire dall’importanza di scoprire

quali sono gli ingredienti giusti

e le dosi corrette per la buona riuscita.

Il segreto è seguire una certa ricetta,

per non dimenticare un passaggio importante

né aggiungere sapori inutili.

Per evitare di presentare un dolce insipido

o, al contrario, stucchevole.

Sabrina Smerrieri

Il sesso vissuto in modo pieno e gioioso è paragonabile ad una gustosa torta, preparata con dolce amore, attenzione alla qualità degli ingredienti e cura sapiente dei particolari.

La ricetta?

400 g di conoscenza

200 g di fantasia

200 g di disponibilità

100 g di intimità

75 g di corteggiamento

25 g di disinibizione

La conoscenza è come la base di un dolce, che fornisce la giusta consistenza.

“Individuare le proprie zone erogene è importante soprattutto per le donne che, al contrario degli uomini, non si riconoscono in un comportamento standard”, dice Emmanuele A. Jannini, sessuologo.

La fantasia è come la farcitura, che fa venire l’acquolina in bocca.

Crema, panna, cioccolato, marmellata: variare sapore è una gioia per la gola. La fantasia, nell’intimità, è una capacità che nasce dalla curiosità di esplorare situazioni nuove. “Magari, all’inizio non ce n’è bisogno perché l’attrazione, sulla scia della novità, è già vivace di per sé”, dice il dottor Jannini. “Dopo, qualche rinforzo non guasta mai per aumentare la complicità e ravvivare la relazione”.

La disponibilità garantisce un gusto pieno ed intenso: “È la naturalezza per come ci si comporta che dà all’incontro un sapore inconfondibile. Quello che conquista un uomo, infatti, è l’emotività, il desiderio autentico che traspare da un gesto, e non come viene eseguito”, afferma la sessuologa Roberta Rossi.

“Un’attenzione speciale per il marito o il fidanzato che va oltre il gesto gentile o un atteggiamento compiacente. È un’apertura verso il partner che ci permette di cogliere i segnali di richiamo erotico, gesti, situazioni, profumi, senza bisogno di troppe parole. Per un uomo, la disponibilità mentale è il primo, fondamentale passo verso l’accoglienza fisica”.

L’intimità ha la stessa variabilità del lievito: per alcune torte è richiesto, per altre no, ma è un ingrediente che rende il dessert più morbido. “Significa, infatti, che tra due persone si è creato un clima di confidenza e reciproca fiducia”, spiega la dottoressa Rossi. “Questa è l’atmosfera giusta per sentirsi liberi di muoversi senza il timore di essere giudicati o rifiutati. Per abbandonarsi, insomma, alle proprie sensazioni ed entrare in una dimensione di maggiore coinvolgimento sessuale”.

Il corteggiamento è come qualche cucchiaio di latte che amalgama gli ingredienti. “Non è tanto il gesto in sé che colpisce l’altro, quanto il significato che sottende”, riscontra il dottor Jannini. “È come mettersi nella stessa lunghezza d’onda dell’altro, con il risultato di amplificare i momenti di sintonia nella coppia”.

La disinibizione equivale al ricciolo di panna: “Se è vero che un pizzico di disinibizione non guasta mai, troppa copre i sapori”, avverte Jannini.

Le categorie della guida