Questo sito contribuisce alla audience di

Promozione enogastronomica al museo!

Wine & food presso i musei per promuovere il made in Italy.

 

Verona, 7 aprile 2006 - Gli Uffizi di Firenze, i musei capitolini a Roma, quello della Ferrari a Maranello o il Capodimonte a Napoli. Sono i musei, con i tanti visitatori stranieri e italiani, una delle nuove frontiere per la promozione del vino e del made in Italy.

 

Ne è convinta Buonitalia, società creata dal Ministero delle Politiche Agricole per valorizzare e internazionalizzare i prodotti d’eccellenza dell’agroalimentare italiano che, in questi ultimi tempi, sta avviando una speciale campagna dentro alcuni dei siti museali più importanti del Belpaese.

 

Un modo per abbinare cibo e opere d’arte come espressione della stessa cultura, che il “braccio promozionale” del Ministero delle Politiche Agricole per i prodotti d’eccellenza del “wine & food” italiano ha rilanciato con forza da Vinitaly guardando anche oltre i confini nazionali.

 

Nei bookshop dei musei italiani verranno aperti spazi espositivi in grado di promuovere le nostre produzioni agroalimentari.

 

Come spiegato da Giorgio Serra, responsabile del dipartimento vitivinicolo di Buonitalia: “L’idea è quella di legare le nostre eccellenze artistiche a quelle agroalimentari e presentare in modo unito il nostro patrimonio ai molti turisti, in particolare quelli stranieri, che visitano i nostri musei, offrendo loro la possibilità di conoscere e acquistare i prodotti”.

 


Vetrine uniche e speciali, in cui le aziende, a rotazione sono chiamate a “sfoggiare” i loro migliori gioielli. Ad essere privilegiati sono i vini e i prodotti tipici del territorio, ma non manca spazio anche per quelli provenienti dal resto del Paese.

 

“Far entrare il vino nei musei non è comunque semplice - aggiunge Serra - e serve prendere accordi con le sovraintendenze. Ma i turisti apprezzano e il passo successivo è quello di portare i nostri prodotti direttamente sui mercati esteri affinché un qualsiasi visitatore straniero possa trovare il vino conosciuto agli Uffizi anche sotto casa propria”.

 


Un tema, quello della promozione fuori confine, caro a Buonitalia che da tempo punta su questo versante cercando di favorire l’internazionalizzazione delle aziende e dei prodotti italiani.

 

Tra i mercati più interessanti, oltre quelli tradizionali come Europa, Usa e Giappone, ci sono la Cina, la Corea del Sud, l’India e la Russia.

 

Nel futuro di Buonitalia c’è il progetto di portare l’Italian Life (and eat & drink) Style in nicchie di mercato fino a ora trascurate. Dai musei appunto, ma anche alberghi di lusso, navi da crociera o villaggi turistici.

 

Luoghi inusuali e fino a ora mai toccati dalla promozione ma che possono rappresentare importanti canali di conoscenza e valorizzazione per il “made in Italy”.

Comunicato stampa del Servizio Stampa Veronafiere

Per informazioni:
in collaborazione con WineNews - www.winenews.it
Tel.: + 39.045.829.82.90 - 82.85 - 82.42 - 83.78
Fax: + 39.045.8298.113
E-mail: pressoffice@veronafiere.it
www.veronafiere.it

Le categorie della guida