Questo sito contribuisce alla audience di

Il parere di Angelo Gaja sui trucioli nel vino

Vi invitiamo a leggere attentamente il parere di un grande esperto sul "problema" dell'uso dei trucioli nel vino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il testo è stato pubblicato sull’allegato elettronico della rivista “Il Sommelier”:

 

 

 

23° anno - La prima rivista di enologia, gastronomia e turismo

Reg. Tribunale di Pisa n° 21 del 15.11.1983

 

- Il parere di Angelo Gaja sui trucioli

 

Abbiamo letto commenti di viva  indignazione nei confronti del Comitato di Gestione dei vini di Bruxelles per avere autorizzato la pratica dei trucioli di legno in enologia anche per i vini europei inclusi quelli prodotti in Italia.

 

Bruxelles non ha fatto altro che accogliere la richiesta che era giunta dai paesi produttori membri di autorizzare anche per il vino europeo quelle pratiche già largamente usate in Australia e negli altri paesi del Nuovo Mondo; pratiche caldeggiate anche da esponenti di primo piano del mondo industriale e cooperativistico italiano ed ovviamente dalle rispettive associazioni di categoria e da altre ad esse equiparate le quali tutte godevano del largo consenso dei loro associati.

 

Ora il pericolo è quello di un ennesimo inciucio all’italiana.

 

Non è ammissibile autorizzare in Italia l’uso dei trucioli per i Vini da Tavola se non è stato PRIMA individuato e riconosciuto il metodo ufficiale di analisi  che consenta a chi dovrà POI operare i controlli di rilevare se il vino sia maturato in barrique, se abbia invece ricevuto l’aggiunta di trucioli di legno oppure ancora se il produttore abbia utilizzato le une e gli altri. 

 

Perché autorizzare i vini da tavola all’uso dei trucioli significa anche che occorrerà porre sotto controllo i vini IGT, DOC e DOCG, ma il metodo ufficiale di analisi per riconoscere se sono stati utilizzati i trucioli anziché la barrique  va ancora individuato, poi testato ed infine approvato ufficialmente. E non saranno certamente tempi brevi.

 

Potrebbe anche succedere che gli inesperti che abusino/o semplicemente usino la barrique con scarsa maestria per dei vini che non siano Vini da Tavola corrano il rischio di venire perseguiti.

 

Altrochè Bruxelles, è tutta farina del nostro sacco.

 

Angelo Gaja

15 Maggio 2006

Le categorie della guida