Questo sito contribuisce alla audience di

Capocollo di Calabria Dop

Le origini dei salumi calabresi si fanno risalire ai fasti culturali della Magna Grecia, mentre le testimonianze storiche descrivono lavorazioni di carni suine fin dal secolo XVII.

L’origine di questo salume è contemporanea allo splendore della Magna Grecia e si ottiene dalla parte superiore del lombo del suino, disossato e salato. La carne viene lavata con acqua, bagnata con aceto di vino e sottoposta alle operazioni di massaggio e pressatura.

Il gusto, intenso e delicato nello stesso tempo, è esaltato dall’abbinamento con vini rossi ben strutturati; il capocollo è tipicamente consumato come antipasto o come spuntino, con il tradizionale pane locale a lievitazione naturale, cotto nel forno a legna. Tra i più illustri estimatori dei salumi di questa regione c’è Giacomo Casanova: egli narra, nelle sue memorie, di aver pranzato, durante un suo viaggio in Calabria, presso la mensa del vescovo Francescantonio Cavalcanti. Qui assaggiò i salumi della Calabria, giudicandoli i migliori che avesse mai mangiato.

Pancetta di Calabria Dop

Soppressata di Calabria Dop

Salsiccia di Calabria Dop

Caciocavallo Silano Dop

Clementina di Calabria Igp

Fotogallery Scilla

Fotogallery Santa Trada

Fotogallery Reggio Calabria

Calabria: i sapori piccanti del Mediterraneo

Le categorie della guida