Questo sito contribuisce alla audience di

Chi metterà ordine nel XXI secolo?

Presentato a Napoli l’ultimo libro di Giuseppe Scanni. L’analisi sull’Europa, gli Stati Uniti, l’Islam e la Cina ha suscitato interesse ed una riflessione sul futuro e sul percorso imboccato dal nostra pianeta.

CHI METTERÀ ORDINE NEL XXI SECOLO?


Presentato a Napoli l’ultimo libro di Giuseppe Scanni. L’analisi sull’Europa, gli Stati Uniti, l’Islam e la Cina ha suscitato interesse ed una riflessione sul futuro e sul percorso imboccato dal nostra pianeta.


Particolare interesse e una riflessione sul futuro del mondo e dei popoli che lo abitano.

È stato questo il clima che si respirava nell’antisala dei Baroni del Maschio Angioino in occasione della presentazione del libro “Ordine e disordini nel XXI secolo” scritto da Giuseppe Scanni, politologo e giornalista che affronta in maniera esperta e meticolosa i grandi temi della globalizzazione, spiega i motivi che hanno portato ai conflitti in Iraq ed Afghanistan, il fenomeno del terrorismo islamico e la mutazione genetica di Al Qaeda, l’identità religiosa, le relazioni tra i popoli e il ruolo dell’Europa e degli Stati Uniti.

Si tratta del terzo volume scritto dopo il successo dei due libri Debito, Crisi e Sviluppo (con G. Pennisi, Marsilio, 1991); Miti e speranze del Terzo dopoguerra (Marsilio, 1995) e che ha già riscosso consensi di vendita e di critica.

Il convegno, moderato dal giornalista Rai Massimo Calenda è stato promosso ed organizzato dalle associazioni ‘Giovani del Sud’ e ‘i Meridiani’ Onlus presiedute rispettivamente da Lello La Pietra e Alfonso Giarletta. I contenuti del volume sono stati affrontati dall’Ambasciatore d’Italia in Cile Michelangelo Pisani Massamormile che ha analizzato soprattutto lo scontro ancora aperto tra i paesi dove vige la democrazia e quelli dove regna un regime di dittatura. I conflitti internazionali degli utimi anni dopo il terribile attacco dell’11 settembre sono anche la conferma di una volontà degli Stati Uniti di esportare con la forza la propria democrazia, quel potere che appartiene al popolo e che, come dice anche l’autore nel libro, non si può esportare come un dentifricio.

“Ma anche lo stesso dentifricio – ha spiegato l’ ambasciatore Massamormile – non si può portare in un altro paese semplicemente per la scatola e il marchio, bisogna illustrarne il contenuto”

Giuseppe Scanni affronta i più significativi temi di geopolitica e di geoeconomia che oggi caratterizzano l’attuale realtà internazionale e propone, al contempo, una road map con le tappe salienti della rete delle complesse e molteplici relazioni tra i popoli. L’autore non ha fatto alcuna previsione per il futuro, né il suo volume si pone questo obiettivo, ma ha sottolineato ancora una volta come il pericolo dell’omologazione, prodotto dalla globalizzazione, ha provocato negli uomini e nei popoli una forte “incertezza identitaria”. Anche questo elemento non ha favorito affatto, negli ultimi anni, il dialogo interreligioso e non ha costruito le basi per una sana convivenza con altri popoli, come quello islamico.

“Nel nuovo scenario della storia umana, i conflitti provocati in nome dell’identità – dice Scanni - possono assumere le forme più diverse: dalla realtà sociale intesa quale “piccola patria a forme estremizzate di rifiuto del diverso, attraverso il razzismo, l’integralismo fanatico e il terrorismo, che puntano all’eliminazione dell’altro, inteso come nemico”.


Le associazioni “Giovani del Sud” e “i Meridiani” Onlus presenteranno il volume di Giuseppe Scanni anche in altre città della Campania (prossima tappa a Salerno) per coinvolgere soprattutto la società civile e le nuove generazioni nella discussione di un argomento di interesse internazionale che deve portare tutti ad una seria riflessione sulle trasformazioni del terzo millennio.

Comunicato stampa

Ufficio Stampa e Comunicazione
Associazione “i Meridiani” Onlus
Via Pastore 14 - 84091 Battipaglia (Sa) Italy
cell. +39 333 480 9674
www.imeridianionlus.org

www.segnacolcuore.it

www.premiogiornalisticocittadisalerno.it

Le categorie della guida