Questo sito contribuisce alla audience di

"Meglio che torni a casa un figlio senza la patente, che una patente senza figlio"

“Meglio che torni a casa un figlio senza la patente, che una patente senza un figlio”: questa affermazione molto forte di Bruno Oreste, Ispettore Capo della Polstrada di Benevento, può dare[...]

Bruno Oreste
“Meglio che torni a casa un figlio senza la patente, che una patente senza un figlio”: questa affermazione molto forte di Bruno Oreste, Ispettore Capo della Polstrada di Benevento, può dare il senso della presentazione, presso la Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, della Campagna “Sii Saggio, Guida Sobrio”, progetto sulla sicurezza stradale e la guida sicura, contro lo stato di ebbrezza al volante, promosso in tutta la Campania dall’Associazione “i Meridiani” con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Anas.

La Campagna, un appuntamento itinerante finalizzato, attraverso un concorso a premi, a sensibilizzare gli allievi degli Istituti della Secondaria Superiore, ad evitare l’assunzione di alcool, è stata presentata dal presidente della Provincia di Benevento, Aniello Cimitile, dal Capo del Compartimento dell’ANAS della Campania, Francesco Caporaso, e da Angelo Di Perna, consigliere della Associazione organizzatrice.

Hanno portato la loro esperienza di operatori sul campo della sicurezza stradale, oltre all’Ispettore Capo Oreste, il capitano Salvatore Borrelli della Guardia di Finanza, il ten. col. Nicola Ocone dell’Esercito e il ottotenente del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri Angelo D’Aiuto.

Prevenzione, cultura della sicurezza, senso di responsabilità: questi i messaggi lanciati nel corso dell’incontro ai numerosi studenti presenti,
accompagnati dai rispettivi docenti, in rappresentanza di quel mondo giovanile cui l’iniziativa, appoggiata dall’Esercito Italiano, dai Carabinieri, dalla Guardia di Finanza, dalla Polizia di Stato nonché dalla Polizia Municipale, dall’Associazione Marco Polo, dall’Ufficio Scolastico Regionale e dalle Asl territoriali, principalmente si rivolge.

Il presidente Cimitile, nel plaudire alla Campagna, che si avvale di un immagine di sangue sparso da un calice vuoto, ha ricordato quanto, molti anni addietro, le disse, in età giovanile, nel corso di un causale incontro, il Premio Nobel Rita Levi Montalcini che lo esortò a prestare attenzione alla complessità del mondo moderno. “In quel momento, ha commentato Cimitile, non capii bene il senso di quella affermazione; solo più tardi mi resi conto che il mondo moderno, che sembra molto migliore di quello passato, nasconde invece insidie terribili e devastanti. Gli incidenti stradali ne sono la testimonianza”. Il presidente della Provincia ha quindi esortato i giovani a comportamenti alla guida rispettosi della propria ed altrui incolumità ed ha invocato l’auto-formazione quale momento essenziale della Campagna di sensibilizzazione alla guida sicura.

Il consigliere Di Perna ha illustrato le finalità dell’iniziativa, che culminerà, a Napoli, nel corso della premiazione dei migliori elaborati in simulazioni di guida per i giovani in stato di ebbrezza.

Il cap. Borrelli ha molto insistito sulla rinnovata attenzione che il legislatore e i magistrati pongono oggi sul concetto di responsabilità per chi è alla guida dopo le recenti riforme al Codice della Strada.

L’Ispettore della Polstrada Bruno Oreste ha invocata da parte degli stessi genitori comportamenti alla guida meno “pirateschi” e più confacenti all’obbligo educativo che compete loro nei confronti dei figli.

Il Sottotenente D’Aiuto ha citato i dati sui controlli con l’etilometro per le persone ubriache o alticce al volante effettuati solo dall’Arma nelle strade sannite, rilevando che nel 2008, su 600 controlli, 60 hanno dato risultato positivo; nel 2009 su 1000, 104 positivi; mentre nei primi mesi dell’anno corrente su 300 sono state già ritirate 20 patenti.

Il Ten. Col. Nicola Ocone ha dichiarato l’universalità del fenomeno, in quanto l’Esercito nelle diverse aree internazionali in cui opera ha potuto constatare che l’ubriachezza al volante non ha confini ed ha esortato particolarmente i giovani a riflettere sulla gravità del fenomeno.

Il Capo Compartimento dell’ANAS Francesco Caporaso ha ricordato l’impegno del Ministero e della stessa ANAS per una crescita della cultura della sicurezza stradale e dell’informazione ai cittadini per una guida sicura. Le cause degli incidenti stradali, ha detto Caporaso, sono essenzialmente riconducibili a tre fattori: la condizione delle strade; la condizione del veicolo; i comportamenti alla guida. E’ importante che soprattutto i più giovani, ha concluso il Capo Compartimento campano, siano consapevoli dei rischi che corrono guidando in stato di ebbrezza, ma anche del fatto che i controlli di Polizia, che subiscono sono finalizzati esclusivamente per salvare loro la vita.

Ufficio Stampa e Comunicazione
Associazione “i Meridiani”
Sede Legale: Corso Garibaldi, 23 - 84123 Salerno
Sede Operativa: Via F.S. Mascia, 4 - 80053 C/Mare di Stabia (Na)
Tel./Fax 0828.1897922 - cell. 333.4809674
www.associazioneimeridiani.it
www.premiosalerno.it
www.siisaggioguidasobrio.it

Le categorie della guida