Questo sito contribuisce alla audience di

Radio 1, Ministero Politiche Agricole vara impianto irriguo su area confiscata alla camorra

L’opera realizzata con un risparmio di oltre 1 milione di euro.

36406333_volturno
“È la vittoria dello stato contro la criminalità organizzata; a partire da lunedì prossimo un area di 2500 ettari di terreno agricolo della provincia di Caserta, ad elevata densità di criminalità organizzata, sarà servita da un impianto irriguo collettivo per l’agricoltura per aziende di produzione di frutta, barbabietole, pomodoro e mais”, lo ha annunciato l’Ing. Roberto Iodice, Commissario ad acta ex Agensud del Ministero delle Politiche Agricole oggi su RAIRADIO1, diretta da Antonio Preziosi, nel corso della rubrica “TERRA” in onda a partire dalle 10.40 e fino alle 11.30 .

La costruzione dell’impianto ha avuto la durata di undici anni ed ha subìto gravi ritardi a causa di una serie di eventi avversi, tra i quali l’abbandono all’appalto da parte dell’impresa esecutrice.

L’impianto infatti serve anche l’azienda Balzana, ex proprietà Cirio, acquistata dalla famiglia Passarelli e confiscata, come ha dichiarato il procuratore della repubblica aggiunto della DIA di Napoli Federico Cafiero De Raho, per effetto dell’art. 10 della legge del governo 125 del luglio del 2008, perché secondo gli inquirenti ritenuta nella disponibilità dei capi storici del clan dei casalesi “Sandokan” e Francesco Bidognetti.

“L’impianto irriguo assicurerà anche alle colture la fornitura di acqua di buona qualità, prelevata dal fiume Volturno e rigorosamente controllata, certamente migliore delle acque di falda del territorio su cui insistono tre discariche di rifiuti”, ha precisato Iodice intervistato da Gerardo Antelmo.

L’impianto, realizzato con un risparmio di oltre un milione di euro, caso molto raro nella pubblica amministrazione, determinerà una riduzione notevole dei costi di produzione dei prodotti agricoli (perché razionalizza l’uso della risorsa acqua) aumentando la competitività della produzione di frutta, barbabietola, pomodoro e soprattutto mais usato nella filiera bufalina; dunque, rappresenterà un cospicuo aiuto per i produttori di mozzarella di bufala. Durante la trasmissione interverranno anche l’on.le Paolo Russo, presidente della commissione agricoltura della Camera dei Deputati e dell’assessore all’agricoltura della Regione Campania.

Info:
Gerardo Antelmo
info@gerardoantelmo.it

Le categorie della guida