Questo sito contribuisce alla audience di

Scoperta l'identità di mummie faraoniche custodite nel Museo di

Si tratterebbe di quelle di una regina e di suo figlio

Nel Museo Nazionale di Edimburgo sono esposti dal 1910, un anno dopo della loro scoperta a Qurna da parte di Flinders Petrie, due sarcofagi innominati che contengono resti ossei di due mummie insieme a gioielli, un flabello cerimoniale, un corno siriano per l’olio, oggetti d’arredamento, vasi e avanzi di cibo.
Ora, in occasione della produzione di un documentario su Discovery Channel, esperti hanno condotto delle analisi sulla composizione dello smalto dei denti utilizzando l’isotopo di stronzio, utilizzando anche tecnologie ad infrarossi sulle iscrizioni ed effettuando una datazione al radiocarbonio. I risultati sono che si tratterebbe di una regina di origine nubiana, ma però sempre vissuta in Egitto, alta circa 150 cm., dell’apparente età di 20 anni e di suo figlio di circa 3 anni, vissuti attorno al 1.650 a.C.
Inoltre, è stata utilizzata la tecnologia laser 3D per la ricostruzione del cranio del bimbo che lo conferma figlio della regina. Si sta ora lavorando per ricostruire virtualmente anche le fattezze dei corpi di questi resti scheletrici.
Comunque, data la complessità e la scarsa chiarezza del periodo storico in cui è vissuta, sarà estremamente difficile dare un nome a questa regina
Il documentario su questa ricerca andrà in onda l’otto Aprile su Discovery Channel col titolo “A lost Queen?”

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati