Questo sito contribuisce alla audience di

L’organismo e la glicemia

Il diabete, si può manifestare in due forme, caratterizzate dalla totale assenza o dalla parziale carenza di insulina, un ormone indispensabile al metabolismo del glucosio.

Nel sangue è presente uno zucchero, il glucosio, che il nostro organismo assimila attraverso l’alimentazione introducendo i carboidrati.
Esistono due tipi di carboidrati, quelli semplici: lo zucchero da cucina (o saccarosio), il miele o, ancora, il cioccolato, che vengono assorbiti immediatamente, e quelli complessi: la pasta, il pane, il riso, che vengono assorbiti più lentamente, in quanto prima devono venire scomposti in zuccheri semplici.
Una volta che i carboidrati vengono digeriti, liberano glucosio che, attraverso l’apparato digerente, arriva al sangue. Il glucosio nel sangue deve avere una giusta concentrazione (glicemia) per fornire energia e mantenere il cervello in efficienza.

I livelli di glucosio nel sangue vengono regolati da alcuni ormoni, e in particolar modo dall’insulina, che entra in gioco quando la glicemia sale, riportandola a valori normali.

L’insulina favorisce, inoltre, l’assorbimento del glucosio da parte di tutti i tessuti.

Qualora l’organismo non fosse in grado di regolare, attraverso gli ormoni, il livello di questo zucchero nel sangue, si verificano degli scompensi:

l’iperglicemia se i valori sono troppo alti, determinando una serie di sintomi che identificano la patologia diabetica;

l’ipoglicemia se i valori sono troppo bassi; l’ipoglicemia determina senso di fame, debolezza, sudori freddi, palpitazioni, capogiri e stato confusionale.
La mancanza di insulina ostacola l’utilizzo del glucosio che si trova quindi nel sangue ad un livello più elevato del normale.

Il diabete insulino-dipendente (tipo 1), determinato, cioè dalla totale assenza di insulina, è più diffuso tra i giovani.

Il diabete di tipo 2, generalmente non insulino dipendente, si manifesta soprattutto nell’età matura, nelle persone in sovrappeso, ma è in allarmante aumento anche fra i giovani adulti.