Questo sito contribuisce alla audience di

Come partecipare ?

Come si può operare nel Mercato Elettrico se si è produttori di energia rinnovabile...procedure operative e link

Con la riforma del sistema elettrico anche il meccanismo della promozione dell’utilizzo delle fonti rinnovabili è stato profondamente modificato, con l’introduzione dell’obbligo per i produttori e gli importatori di energia elettrica di immettere nella rete di trasmissione energia “verde”, cioè prodotta da Impianti alimentati da fonti rinnovabili (Iafr).

La normativa attuale ha assegnato al GRTN il compito di qualificare tali impianti di produzione, una volta accertato il possesso dei requisiti previsti. Possono ottenere la qualificazione, in base al decreto MICA 11/11/1999 e al successivo decreto MAP 18/3/2002, gli impianti entrati in esercizio successivamente al 1°aprile 1999 a seguito di nuova costruzione, potenziamento, rifacimento totale o parziale, riattivazione e gli impianti che operano in co-combustione entranti in esercizio prima del 1° aprile 1999.
Sulla base dei requisiti previsti nel decreto MICA 11/11/1999 e nel successivo decreto MAP 18/03/2002 il Gestore della rete di trasmissione nazionale ha sviluppato una Procedura tecnica per la qualificazione Iafr, nella quale sono previste le modalità di presentazione delle domande e dei principali allegati tecnici. Successivamente una apposita Commissione di Qualificazione provvede all’esame della domanda e quindi al riconoscimento della qualifica Iafr.
L’elenco degli impianti qualificati, sia in esercizio che in costruzione, è pubblicato annualmente dal GRTN, ed è disponibile nel Bollettino Impianti Qualificati.

La qualificazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili è necessaria per poter poi concorrere nel mercato dei Certificati Verdi.

Nei link seguenti troverete sia la lista degli impianti qualificati che la procedura tecnica stilata dal GRTN per poter iscrivere un impianto come IAFR.