Questo sito contribuisce alla audience di

Come guadagnare dall'energia solare

Il Decreto del Ministero delle Attività Produttive e dell'Ambiente pubblicato il 5 agosto 2005 sulla G.U. 181 garantisce una rendita in conto energia per chi installa e produce energia elettrica da pannelli solari. Sarà riconosciuta per ben venti anni una tariffa di riacquisto di 0,445 euro per ogni chilowattore prodotto dai pannelli solari.

Tra risparmio sulla bolletta e redditto generato dal conto energia si stima che un piccolo impianto da 1 kWp installato su otto metri quadri di superficie (tetto, terrazzo, o terreno) possa garantire, in condizioni normali, un guadagno annuale di circa 1000 euro per molti anni. Un impianto fotovoltaico non necessita di manutenzione frequente ed ha una durata di 25-30 anni.

Non è necessario staccarsi dalla rete elettrica e tutti possono fare domanda per ottenere il conto energia: famiglie, condomini, enti e imprese. Le prime domande potranno essere inviate entro il 31 dicembre 2005 secondo la procedura che sarà decisa entro settembre. L’organo predisposto a rilasciare le autorizzazioni darà risposta entro 90 giorni, a quel punto i lavori dovranno iniziare entro 6 mesi e terminare entro 12 mesi dal loro inizio. In ogni caso le domande si potranno inviare anche nel 2006.

Quanto costa un impianto fotovoltaico? Un piccolo impianto da 1 kWp occupa una superficie di 8 metri quadri ed ha un costo medio di circa 8.000-10.000 euro e una durata media di 25-30 anni. Ciò significa che bastano soltanto otto anni per rientrare dell’investimento. Senza poi contare l’incremento del valore patrimoniale dell’immobile in cui sono installati pannelli solari. Si tratta, ovviamente, di stime indicative ma hanno il pregio di rendere immediata l’idea delle dimensioni dell’investimento e dei suoi ritorni.

L’investimento garantisce un buon tasso di rendimento. Su un capitale investito di 10.000 euro, l’impianto fotovoltaico produce mediamente 1.000 euro l’anno pari al 10% del costo capitale. Pochi altri investimenti offrono tassi di rendimenti così elevati. Va inoltre considerata la lunga durata pluridecennale degli impianti e l’assenza quasi completa di rischio nell’investimento. Le tariffe incentivate per il riacquisto dell’energia elettrica prodotta dai pannelli solari sono garantite per legge 20 anni, questo aspetto da ulteriore certezza all’investimento e favorisce l’accesso al credito.

Dove possono essere installati i pannelli solari? Il posto ideale è la propria terrazza o il proprio tetto, purché siano ben esposti a sud per godere del max. irraggiamento solare. Possono essere installati anche sul terreno, l’ideale per chi ha un’azienda agricola o una villa. E’ comunque consigliabile evitare l’installazione in posti troppo isolati e poco sorvegliati, recentemente alcuni fatti di cronaca stanno facendo emergere sempre più frequentemente casi di furti di pannelli solari fotovoltaici.

E’ ormai una certezza, l’energia solare fotovoltaica piace ad aziende e famiglie e diventerà presto una grande realtà anche italiana.

Andrea Minini - Ecoage - 1 settembre 2005