Questo sito contribuisce alla audience di

Perché incentivare i biocarburanti?

E' fondamentale allineare l'Italia agli obiettivi della direttiva europea 30/2003 e aumentare al 2% la presenza di biocarburanti in Italia entro il 2005 per consentire il raggiungimento del 5,75% entro il 2010. E' al pari necessario aumentare il contingente defiscalizzato di diesel da 200.000 tonnellate a 500.000 tonnellate entro la prossima finanziaria. Allo stesso modo va aumentato il contingente defiscalizzato di bioetanolo, biocarburante alternativo alla benzina. La FIAT ha già in commercio le versioni funzionanti a bioetanolo ma sono vendute soltanto in Brasile dove i biocarburanti sono già presenti presso qualsiasi pompa di benzina. Una risposta razionale al problema dello smog, dell'olio di colza, della dipendenza dal petrolio e dell'occupazione agricola.

I vantaggi economici e sociali dei biocarburanti sono evidenti:

Fabbisogno energetico nazionale. Crescita dell’auto-produzione nazionale di carburanti con conseguente miglioramento dell’autosufficienza energetica nazionale. In Francia i biocarburanti sono miscelati al 5% con i carburanti tradizionali.
Occupazione nel settore agricolo. La produzione agricola per fini energetici favorisce l’occupazione nel settore agricolo ben distribuita sul territorio nazionale.
Il fenomeno dell’olio di colza. I cittadini italiani che utilizzano olio di colza alimentare miscelato con il diesel compiono il reato di evasione delle accise sui carburanti. Nulla però viene fatto per agevolare la produzione e la vendita dei biocarburanti legalizzati. L’aumento del prezzo del petrolio sta facendo aumentare automaticamente le entrate dello Stato tramite le accise, a spese dei consumatori e delle imprese, perché non investire questo surplus per defiscalizzare la produzione dei biocarburanti legali?
Maggiore redditività delle imprese agricole nazionali. La domanda dei biocarburanti non mancherebbe, lo dimostra il crescente fenomeno illegale per l’olio di colza alimentare (materia prima agricola da distinguere dai biocarburanti). I biocarburanti rappresenterebbero una valida attività di reddito complementare per le aziende agricole oltre che una possibilità di autoconsumo senza dover dipendere dalle oscillazioni del prezzo del petrolio.
I biocarburanti riducono lo smog in città. L’uso dei biocarburanti riduce lo smog in città e le conseguenze sulla salute dei cittadini. I recenti blocchi del traffico nel 2005 hanno dimostrato la gravità delle condizioni nell’aria che respiriamo nelle città italiane.
Riducono l’effetto serra. I biocarburanti rilasciano nell’aria la stessa quantità di CO2 assorbita dalla pianta per crescere. Il bilancio con l’ambiente si chiude in pareggio e non si alimenta l’effetto serra. Favorisce pertanto il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto.
Maggiore indipendenza dal petrolio. Il petrolio è ormai stabile al di sopra dei 50-60 dollari al barile con conseguente pressione inflazionistica sui prezzi al distributore di benzina o di diesel. Una vera e propria tassa per tutti i cittadini che penalizza soprattutto i ceti meno abbienti. Soltanto le Casse dello Stato beneficiano tramite le accise dall’incremento del prezzo del petrolio, tutti i cittadini e le imprese sono invece penalizzate nel potere di acquisto e nei costi. Aumentare la quota dei biocarburanti frenerebbe questa situazione di empasse.
Meno guerre per il petrolio. La minore dipendenza dai paesi produttori di petrolio favorirebbe una caduta del prezzo del petrolio e una minore attenzione geopolitica per le zone ricche di petrolio. Se il petrolio avesse minore importanza non ci sarebbero guerre del petrolio.
Minore trasporto del petrolio via mare con conseguente minore rischio per l’ambiente dovuto ai frequenti casi di incidenti delle petroliere ecc.

Fonte : nimer.it