Questo sito contribuisce alla audience di

JI e CDM

Joint Implementation e Clean Development Mechanism

La Joint Implementation consente ai paesi industrializzatie e a quelli caratterizzati da un’economia in transizione, elencati nell’Allegato I della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite di attuare congiuntamente progetti volti alla riduzione delle emissioni. Più precisamente, la JI consente ad una Paese inclusa nell’Allegato I della Convenzione di finanziare un progetto finalizzato a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra realizzato in un’altra Paese incluso nell’Allegato I ottenendo dei “crediti di emissione” (emission reduction units - ERUs). Le riduzioni di emissione, intese come emissioni evitate, infatti, sono certificate sotto forma di ERUs dal Paese che ospita il progetto e sono trasferite al Paese che lo finanzia; questo le può utilizzare per rispettare il proprio limite di emissione, in conformità con quanto disposto nell’Allegato B del Protocollo.

Il Clean Development Mechanism consente ai paesi inclusi nell’Allegato I della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite, soggetti alle limitazioni delle emissioni di gas serra, di svolgere progetti finalizzati alle riduzioni certificate di emissioni in Paesi in via di sviluppo non inclusi nell’Allegato I che hanno ratificato il Protocollo, così da consentire la promozione in questi stessi paesi di uno sviluppo sostenibile. I paesi attuatori dei progetti ottengono il rilascio di crediti di emissioni (Certified Emission Reduction o CER) che potranno essere utilizzati per il raggiungimento degli obblighi di riduzione o potranno essere venduti sul mercato europeo delle emissioni.

Argomenti