Questo sito contribuisce alla audience di

Obbligo dell 1% di biocombustibili nei carburanti al consumo

Dal primo luglio gli automobilisti troveranno nel loro pieno di benzina o diesel, carburante di origine agricola. Lo prevede il decreto legge approvato oggi dal Parlamento, che obbliga i produttori di carburante, dal 1° luglio 2006, a immettere al consumo biocarburanti di origine vegetale in misura pari all'1%.

 ”Un fatto importante per i nostri agricoltori ” commenta il presidente della Confagricoltura, Federico Vecchioni ” che potranno con maggiore tranquillità puntare su colture come colza, girasole, soia, mais, barbabietola, che potranno essere destinate agli utilizzi energetici, in alternativa a quelli tradizionali.” L’introduzione dell’obbligo per l’industria ” per ora in una percentuale minima, ma destinata a crescere ogni anno in maniera progressiva - consentirà, infatti, lo sviluppo di un vero mercato dei biocarburanti in Italia, offrendo nuove opportunità ai produttori agricoli.” “La verità novità del decreto ” sottolinea il presidente Vecchioni - è che attraverso intese di fliera e contratti quadro, si crea un momento stabile di confronto con l’industria, finalizzato allo sviluppo di filiere energetiche dedicate.” Ed un primo esempio si sta concretizzando proprio in questi giorni: la Confagricoltura ha sottoscritto, insieme alle altre rappresentanze agricole ed alla parte industriale una pre-intesa per la messa a coltura di 40.000 ettari di girasole da trasformare in biodiesel. “E’ questo il segnale - conclude Vecchioni - che gli agricoltori aspettavano perché, sui biocarburanti, si transitasse dall’epoca dei convegni, a quella della concretezza”.