Questo sito contribuisce alla audience di

Illuminazione efficiente: 10% di energia risparmiata nel mondo

La sostituzione dei sistemi di illuminazione tradizionali con sistemi efficienti consente di risparmiale il 10% dell'energia consumata a livello mondiale. Il dato arriva da uno studio condotto dall'Agenzia internazionale dell'energia (Iea) secondo cui la messa in atto di politiche di risparmio energetico nel settore dell'illuminazione avrebbe benefici effetti anche sulla riduzione delle emissioni di CO2.

In un’intervista alla emittente britannica BBC, Paul Waide, analista dell’Iea e tra gli autori del rapporto dell’Agenzia, ha affermato che “il 19% della generazione di energia elettrica a livello mondiale è destinato all’illuminazione, quantitativo che supera la produzione elettrica da fonte idroelettrica e nucleare ed è più o meno uguale all’elettricità prodotta da gas naturale”.
La CO2 generata dalla produzione elettrica destinata all’illuminazione è pari al 70% delle emissioni prodotte a livello mondiale dai veicoli per il trasporto passeggeri e tre volte superiore alle emissioni prodotte dal settore del trasporto aereo.
Il rapporto evidenzia come le lampadine a incandescenza siano decisamente poco efficienti perché capaci di convertire in fonte luminosa solo il 5% dell’energia consumata. Il maggior consumo arriva comunque dalle lampade alogene e fluorescenti utilizzate negli edifici pubblici e commerciali con un’efficienza che varia tra il 15 e il 60% e che nel loro insieme rappresentano il 43% dell’energia consumata per l’illuminazione.
Maglia era dell’efficienza lIea la assegna alle lampade alogene che convertono la maggior parte dell’energia consumata in calore, rendendo così necessario l’utilizzo di condizionatori nel periodo estivo.