Questo sito contribuisce alla audience di

ETS-DA LONDRA CARTA DI CREDITO PER EMISSIONI CO2

08-01-2007 [(E-gazette)] – Quote di emissioni di CO2 anche personali. E’ l'idea del governo inglese che, secondo quanto riferisce la Bbc, starebbe pensando a una 'carbon credit card' che permetterebbe una redistribuzione delle emissioni, la quale entrerebbe a fare parte a tutti gli effetti del piano nazionale di allocazione della CO2.

Secondo il progetto che avrebbe in mente il ministro dell’ambiente britannico, si tratta di quote individuali che sarebbero assegnate su base annuale e riguarderebbero diversi temi della vita quotidiana come il trasporto, l’energia e l’alimentazione. Il principio è molto semplice: se le persone emettono una quantità inferiore di anidride carbonica, rispetto a quella prestabilita, possono cedere la quota in più a chi invece ha ‘consumato’ oltre la quota assegnata: una vera e propria emisson trading tra persone. Non è una semplice trovata propagandistica. Anzi, uno studio di fattibilità del centro per l’energia sostenibile del ministero dell’ambiente sostiene che un permesso di emissione personale di CO2 potrebbe ridurre le emissioni di gas climalteranti meglio delle tasse sulle emissioni. Gli studi sono partiti e il governo conta di portare a termine il progetto di questa speciale carta di credito entro cinque anni.