Questo sito contribuisce alla audience di

Milano:prestiti tasso zero per case ecologiche e pannelli solari

Prestiti a tasso zero per i proprietari di case e per i condomini dei comuni della provincia di Milano che hanno adottato i regolamenti edilizi provinciali eco-sostenibili. A renderlo possibile, secondo quanto si legge in un comunicato, l’accordo sottoscritto la settimana scorsa tra Provincia di Milano e le Banche di credito cooperativo di Carugate e di Cernusco sul Naviglio, prime partner finanziarie di un progetto destinato ad acquisire altre partnership strada facendo.

“Si tratta di un sistema innovativo di credito co-finanziato – spiega l’assessora all’Ambiente Bruna Brembilla - che consentirà di ripartire equamente tra la Provincia e le Banche gli interessi sui prestiti concessi ai cittadini per fare interventi di risparmio energetico. Una grossa operazione, che vede la Provincia impegnare fino a 1 milione di euro a sostegno delle energie rinnovabili e del risparmio energetico”.

La condizione per ottenere il prestito, infatti, è che il denaro ricevuto dai cittadini venga utilizzato per realizzare lavori di isolamento termico, lavori di riqualificazione impiantistica o di installazione di impianti alimentati da energie rinnovabili per il riscaldamento invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria.

L’operazione prevede di movimentare 12 milioni di Euro all’anno al fine di raggiungere l’obiettivo fissato nel Programma Provinciale di Efficienza Energetica, pari alla riduzione di 35.000 tep/anno dei consumi finali di energia primaria nel settore civile.

Lo strumento finanziario scelto per promuovere il recupero energetico degli edifici è il contributo in conto interessi a tasso zero, ovvero lo sconto totale degli interessi bancari sui prestiti che verranno erogati ai cittadini per effettuare interventi di efficienza energetica e di installazione di fonti rinnovabili.

Data la complessità dell’iniziativa, “prima assoluta” in Italia, verrà effettuata una sperimentazione a scala ridotta (per 300mila euro) al fine di mettere a punto delle procedure più snelle e veloci possibili, sia tra la Provincia e gli istituti finanziari, sia tra gli istituti finanziari e i beneficiari finali dei contributi in conto interesse.

Un importante passo avanti sul fronte delle energie rinnovabili che si aggiunge alle detrazioni di imposta previste dalla legge finanziaria cui i cittadini possono usufruire nella misura del 55% in tre anni sulla spesa sostenuta per la realizzazione di impianti a basso consumo.