Questo sito contribuisce alla audience di

CO2, fase 2 con prezzi oltre i 20 dollari/ton

Fase 1 del mercato emission trading con un certo appeal, fase 2 con prezzi in deciso rialzo. All’indomani della decisione della Ue sul Pna italiano, la consueta nota settimanale a cura di Fortis segnala in particolare l’incremento dei prezzi per il dopo 2008, a livello dei 20 dollari/ton e anche oltre. Lo switch carbone-gas si posiziona a circa 15 dollari. Utility molto interessate mentre il settore industriale non è ancora intervenuto sul mercato.

Una media di 5,7 milioni di EUA è stata scambiata attraverso brokers e borse ufficiali la settimana scorsa. La liquidità è stata abbondante, con un massimo di 10 milioni di EUA trattate il 9 maggio.
I diritti per la fase 1 hanno avuto delle sedute molto volatili. Lo spot su Powernext ha aperto la settimana a 0.52Eur/TonCO2, andando fino a 0.20Eur/TonCO2 il 10 maggio, per poi risalire fino a 0,35 euro.
Sebbene si tratti di “cents business”, la speculazione è davvero elevata, e nonostante l’oversupply sul mercato, le EUA della prima fase hanno ancora un certo appeal.
I diritti della seconda fase hanno invece raggiunto i 20Eur/TonCO2, toccando anche 20,7 euro in apertura.
Tale livello di prezzo è considerato dagli analisti, come un accettabile prezzo medio per tutta la Phase II. Attualmente, il livello teorico di switch sulla base dei prezzi forward del gas e del carbone è attorno ai 15 eur/Ton CO2. Gli alti livelli di prezzo per la seconda fase, suggeriscono un elevato interesse da parte delle utilities che cominciano ad “hedgiare” le loro posizioni.
I partecipanti potenzialmente lunghi, vale a dire il settore industriale, non sono ancora intervenuti sul mercato. L’offerta netta è dovuta sopratutto ai CERs.

QE, 16-05-07