Questo sito contribuisce alla audience di

Casa efficiente: risparmio e detrazioni eliminando gli sprechi

I 200 Euro di sconto per la “rottamazione” dei vecchi elettrodomestici con quelli di classe “A” sono solo un primo passo verso il risparmio economico nel contesto delle opere edilizie che contribuiscono al risparmio energetico. Fonte: Sorgenia news

 





I 200 Euro di sconto per la “rottamazione” dei vecchi elettrodomestici con quelli di classe “A” sono solo un primo passo verso il risparmio economico nel contesto delle opere edilizie che contribuiscono al risparmio energetico.

Infatti aumentando l’efficienza domestica per ridurre il consumo e gli sprechi energetici ci si può avvalere delle detrazioni del 55% sui costi e le spese sostenute per l’adeguamento agli standard fissati dal nuovo quadro normativo.

Tra i principali esempi di lavori edilizi detraibili ci sono: sostituzione di boiler con caldaie a gas; installazione di doppi vetri e guarnizioni con maggiore proprietà isolante; isolamento delle coperture del tetto per ridurre la dispersione di calore; messa in opera di pannelli solari; impianto di condizionamento con pompa di calore (freddo/caldo).

L’articolo 1 della legge 296/2007 (la Finanziaria) prevede in particolare un tetto massimo di sconto sull’IRPEF di 100.000 euro per unità immobiliare e per nucleo familiare, con rateizzazione in tre anni; ovvero per ristrutturazione edilizia che renda l’unità abitativa energeticamente più efficiente lo sconto IRPEF sarà come massimo di 18.300 euro all’anno per tre anni.

I documenti necessari per accedere alle detrazioni sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate