Questo sito contribuisce alla audience di

Urgali

La feccia di Alagaesia

Gli Urgali sono disgustose e barbare creature che seguirono il viaggio degli elfi per mare e giunsero i Alagaesia. Molti di loro sono al servizio di re Galbatorix che gli utilizza per i suoi malefici scopi, mentre alti vivono razziando e derubando i popoli di Alagaesia; altri ancora vivono in pace in zone isolate.

Assomigliano ad esseri umani con gambe storte, braccia tozze e massicce e un paio di corna ritorte dietro piccoli padiglioni auricolari.

Emanano una puzza pestilenziale, hanno folte sopracciglia da cui spuntano occhi gialli e porcini che non sono in grado di vedere al buio. Sono alti e massicci, con la pelle grigia e la musculatura possente e il loro sangue è nero.

Il loro equipaggiamento di guerra è costituito da corte spade e tondi scudi di ferro dipinti con simboli neri.

In Eragon gli urgali erano sotto il comando dell’impero, schiavizzati da un incanto dello spettro Durza. Gli urgali sono creature che in natura combattono fra loro, ma sotto l’incanto dello spettro loro combattono insieme. Farebbero qualunque cosa sìcche Durza gli ordinasse. Gli urgali, nella battaglia del Farten Dur, una volta che lo spettro Durza era stato ucciso da Eragon, persero il controllo e si uccisero tra loro, e quindi l’incanto fu spezzato. In Eldest alcuni di loro si comportano in modo fiero e leale combattendo per i Varden proteggendo Eragon e Saphira per vendicarsi di Galbatorix.

KULL: sono il meglio degli Urgali, alti più di 8 piedi possono correre per giorni senza dormire. Sono un’autentica macchina da guerra, sono forti e determinati, e per ucciderne uno sono necessari almeno 5 uomini.

Ultimi interventi

Vedi tutti