Questo sito contribuisce alla audience di

Spettri

Gli spiriti indomabili

Gli spettri sono creature terribili: in origine erano uomini con la capacità di usare la magia e quindi di evocare alcuni tipi di spettri capaci di eseguire i loro ordini; ma a volte gli spiriti si rivelano più forti di chi li ha evocati, l’uomo perde il controllo e gli spettri si impossessano di lui per non lasciarlo mai più e rendendo l’evocatore molto difficile da sconfiggere.

Come già detto gli spettri sono molto abili sia nell’uso della spada che della magia, il che li rende molto difficili se non impossibili da sconfiggere: gli unici che siono riusciti in quest’impresa sono stati Laetri l’elfo, Irnstad il cavaliere e Eragon Ammazzaspettri.

L’unico spettro nominato nella saga è Durza, un tempo chiamato Carsaib che è al servizio di Galbatorix: è alto, flessuoso e con sembianzae umane ma con capelli cremisi e occhi rossi come il fuoco che gli permettono di vedere al buio; è riconoscibile dalla lunga e pallida spada solcata da un lungo graffio ricurvo.

Il solo modo per uccidere uno spettro è trafiggere il suo cuore con una spada; ogni altro tipo di ferita, causerà la sparizione dello spettro, che riapparirà poi in un altro luogo. Durante il processo di sparizione, una nebbia misteriosa nasconde lo spettro per risparmiare almeno parzialmente dalla vista di una così atroce visione.

Ultimi interventi

Vedi tutti