Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Paolini e Speelers

L'autore e l'interprete di Eragon parlano all' USA WEEKEND

Ecco l’intervista rilasciata all’USA WEEKEND:


Non riusciamo a credere che questa è la prima volta che ci incontriamo


Paolini:
Lo abbiamo sempre voluto, ma non abbiamo trovato accordi per farlo. Volevo davvero incontrare il ragazzo che avrebbe interpretato il mio personaggio in cui mi sono sempre rifugiato per tutti questi anni


Speleers:
Ero un pò nervoso a riguardo. Mi sono alzato pensando “Sto per incontrare il creatore del personaggio che interpreto”. Ma è stato fantastico. Abbiamo parlato dei combattimenti e cose del genere.


Paolini:
Oh, si, ho creato le mie spade personali


Nel libro, si è capaci di leggere la mente come Eragon e Arya. E’ un potere che le donne e gli uomini dovrebbero avere?


Speleers:
Potrebbe essere pericoloso. Non vorrei sapere cosa pensano di me le ragazze. Sarebbe pessimo! Sono un ragazzo Inglese!


Sei preoccupato riguardo la crescita così veloce?


Paolini:
Sono sempre stato circondato da persone più grandi di me. Sin da bambino, ero sempre superiore rispetto agli altri, così ho dovuto sempre tagliare i rapporti con le persone della mia età, che era bello. Non c’è nulla di sbagliato nel vivere da solo. Se non sono solo, non posso scrivere.


Se qualcuno dovesse morire nel prossimo ed ultimo libro di Harry Potter, di J.K.Rowling, chi potrebbe essere?

Ed Speleers: In teoria, dovrebbe essere Voldemort, anche se comunque, una parte di me pensa che Harry morirà seguendo le orme del padre.
Paolini: Sapete cosa potrebbe fare? Uccidere Harry e Voldemort allo stesso tempo, poichè in un libro come quello della Rowling se c’è la morte deve essere la morte di un grande personaggio.


Deve essere difficile per te, mantenere saldi i rapporti con gli amici dopo tutto questo successo.

Speleers: Non per me. Nel mio caso, ci sono lettere e telefonate. Non scrivo e-mail. Sono scioccato a riguardo. I miei fratelli sono furiosi con me poichè non ricevono mai risposta.


Paolini:
Sono legato al telefono. Sono sempre in contatto con la mia famiglia quando viaggio. Infatti, stanno aspettando una mia telefonata dopo questo incontro.

Ultimi interventi

Vedi tutti