Questo sito contribuisce alla audience di

Un disco personale...

Lo ha definito un disco buono, che racconta la realtà guardando avanti e che soprattutto racconta la sua fin troppo nota rottura con la moglie: Eros Ramazzotti ha presentato oggi a Milano il suo nuovo[...]

Lo ha definito un disco buono, che racconta la realtà guardando avanti e che soprattutto racconta la sua fin troppo nota rottura con la moglie: Eros Ramazzotti ha presentato oggi a Milano il suo nuovo disco “9″, il nono appunto, da domani nei negozi.

“Il numero 9 mi sembrava azzeccato per questo disco”, ha raccontato oggi a Milano un emozionato e apparentemente scontroso Ramazzotti. “Fare musica oggi non è facile. E’ dura ripetersi, soprattutto ripetersi in meglio. Ma in ogni caso questo è il disco, questo è Eros in questo momento”, ci tiene a precisare.

L’album — composto da 13 canzoni, alcune molto “ramazzottiane”, come lui stesso le ha definite, altre che lasciano spazio al blues e al reggae — è sostanzialmente dedicato a tre donne: la figlia Aurora, col brano “Canzone per lei”; la mamma scomparsa l’anno scorso, fonte di ispirazione per “Mamarà”, e Michelle Hunnziker, sua ex-moglie, la cui presenza aleggia in ogni brano.

“E’ un disco creato in un momento particolare della mia vita, è tangibile soprattutto nei testi. Si sente l’istinto forte che si ha in certi momenti. E’ vero, ho sempre scritto melodie un po’ struggenti, ce l’ho nel Dna, ma questo album è davvero un disco personale”, racconta, lasciando intendere di aver sofferto molto per la separazione dalla moglie.

Della canzone dedicata alla madre, creata con un melodia che spazia dal reggae al calypso, spiega di non aver voluto appositamente fare una canzone strappalacrime: “Sarebbe stato troppo facile. Invece volevo raccontare in modo gioioso — come era lei — un rapporto con una persona molto importante per la mia vita”.

Nell’album è contenuto anche il singolo, attualmente primo nelle classifiche di vendita, uscito il mese scorso, “Un’emozione per sempre”.

“E’ un brano dedicato ad Alex Baroni”, spiega, dicendo che avrebbe dovuto inciderlo lui, prima della sua scomparsa per un incidente stradale lo scorso anno. “Credevo molto in lui, sia umanamente che professionalmente. E’ un modo per ricordarlo ora che non c’è più”.

NESSUNA NUOVA DONNA NELLA SUA VITA

Parla un po’ di tutto, Eros, che per la promozione del disco veste esclusivamente Emporio Armani: della perdita della finale di Champions League ieri sera della sua Juventus, per la quale scriverà l’inno (”la Juve ce l’ho nel cuore da sempre. La partita l’ho vista da casa, ma la cosa che mi ha colpito di più è stata la correttezza del tifo. Ma non è stato un incontro emozionante”); del suo cantante preferito (”Lucio Battisti, di cui inciderei Emozioni”); delle sue presunte nuove fidanzate (”in questo momento non ho voglia di gestire un altro rapporto con una donna. Non ho la testa”).

Poi svela a Reuters di poter fare un bilancio positivo dei suoi “primi 40 anni”, che compirà nel prossimo ottobre. “Non posso lamentarmi. Ho fatto tanto, ho dato tanto, anche se è sempre difficile rimettersi in gioco. Il mio carattere non è molto malleabile e flessibile, ma mi dovete accettare così come sono”.

Si sfoga di certa stampa troppo impicciona (”non posso uscire di casa che mi fanno foto ovunque, so di essere un personaggio pubblico, ma non viene minimamente rispettata la legge della privacy”) volendo tutelare anche la figlia; parla poi della ex-moglie, che in questo momento sta ottenendo un grande successo in vari programmi televisivi.

“E’ sicuramente quello che si merita. Se l’ho sposata e ci sono stato insieme sette anni un motivo c’è. Il successo però può essere facile da ottenere. Il difficile è mantenerlo come ho avuto la fortuna di fare io per 20 anni”, sottolinea.

UN TOUR INTERNAZIONALE

Intanto lui si prepara agli impegni futuri: dopo le esibizioni estive al Festivalbar (che per ironia della sorte, è presentato proprio da Michelle) inizierà una tournée che lo porterà in giro per l’Europa, dalla Germania a Francia, Svizzera, Belgio, con tappe a Roma e Milano a dicembre.

“Abbiamo delle belle idee per il tour, sarà un concerto con le mie canzoni più importanti visto che festeggio anche i 20 anni di carriera. Lo stiamo sviluppando in questo periodo e poi ci saranno molte date italiane nel 2004″.

Ma poi spiega di non amare molto stare per troppo tempo lontano da casa: “Ho una bambina, voglio starle vicino e dedicarle la mia vita”.

Le categorie della guida

Link correlati