Questo sito contribuisce alla audience di

Il mistero di "Iceman"

Rimarrà un’incognita questa stagione per il campione del mondo in carica. Partito a razzo ad inizio campionato, si pensava già che, come Alonso, il finlandese potesse replicare il successo. Invece da[...]

Raikkonen guida formula unoRimarrà un’incognita questa stagione per il campione del mondo in carica. Partito a razzo ad inizio campionato, si pensava già che, come Alonso, il finlandese potesse replicare il successo.

Invece da Monaco sembra essersi inceppato qualcosa e il divario che aveva dopo la Spagna, + 9 su Hamilton e ben 11 su Massa, ha iniziato a ridursi domenica dopo domenica. Raikkonen ha perso quella grinta e quella velocità che l’avevano contraddistinto fino alla passata stagione ed in particolare ai tempi della Mclaren.

Escludendo il fatto che non si fosse trovato bene con la macchina, perché allora non sarebbe stato veloce già ad inizio anno, emerge l’ipotesi che Iceman, poi, tanto di ghiaccio non lo sia. Certo, è stato anche sfortunato, vedasi Francia, Canada (dove avrebbe vinto se non fosse stato centrato da Hamilton) e Belgio, dove prima di andare a sbattere stava dominando una gara maiuscola.

In realtà, molto probabilmente, ha patito il mancato sostegno e quell’occhio di riguardo particolare che la squadra avrebbe riservato a Schumacher. Insomma, a Kimi quest’anno sarebbe piaciuto essere la prima guida della rossa, rinfrancato dallo straordinario successo dello scorso anno.

Le categorie della guida