Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • La moda bimbo vince la crisi del settore

    Segnali positivi per la moda bimbo che pare non essere scalfita dalla crisi del settore fashion. Alcuni esempi eccellenti come il brand aretino Monnalisa ed il collettore di licenze Altana testimoniano che il segreto è puntare su una solida strategia retail e puntare su grandi marchi per affrontare con successo il 2010.

  • E' veramente ripresa nel settore orafo? L'esperienza di Choice

    Pick your Choice. La scelta sembra che le aziende di gioielleria l'abbiano fatta. Contano sulla ripresa, guardano con ottimismo al futuro, puntano innovazione per sconfiggere la crisi ed interpretare le nuove scelte di consumo. Lo stile cambia così come cambia la catena di distribuzione e l'ultima edizione di Choice interpreta tutto questo.

  • Le Fashion Week sono il gateway per entrare nel fashion system?

    Uno dei Must nei marketing planning di ogni maison è e resta la presentazione della propia collezione. Se questo poi avviene sulla passerella di una della fashion week delle capitali della moda, il più sembra essere fatto. E' così che la macchina delle "settimane della moda" prolifera ed approda, già da qualche anno, anche in Russia. Un racconto e qualche riflessione sulla prossima (?!) capitale della moda che strizza l'occhio all'Europa.

  • Un viaggio nel tempo con Vintage Selection

    Dal 30 gennaio al 3 febbraio 2008 entrare nella Stazione Leopolda di Firenze significava lasciarsi alle spalle la grigia e fredda cittá dei nostri tempi, incontrando un mondo di moda che respirava l’aria del passato con abiti e accessori di diverse epoche e culture del mondo. Da spille di cristallo Swarowski a bauletti Dior (per soli 320 euro) a coloratissimi kaftan Pucci degli anni 60, la mostra-mercato portava i suoi visitatori indietro nel tempo e li lasciava con tanti spunti creativi i cui segni sono presenti anche nella moda di oggi.

  • Ethical Fashion Show,a Parigi

    Contaminazioni di stili brillano nella Ville Lumière sotto l'egida di una "buona condotta",creazioni rispettose dell'ambiente e delle persone. Concezione sempre piu' dilagante nell'ambito del fashion business,anche in Italia.

  • Thayaht. Un artista alle origini del Made in Italy.

    Universo Thayaht: un universo inedito in alcuni tratti, sorprendente in altri, enigmatico nelle sfumature. Sicuramente un raffinato cosmopolita, un anticipatore di tendenze, buon comunicatore, attento e dotato di notevole intuizione.Non c'è campo artistico - dal design alla pittura,alla creazione di costumi teatrali,alla Haute Couture-che Ernesto Michaelles,che sceglie come nome d'arte il palindromo “Thayaht”, non abbia praticato,cedendo così all'innata propensione alle innovazioni.

  • MODAPRIMA, ed è subito moda.

    Modaprima: in scena a Fieramilanocity di Milano il meglio del pronto moda 2008-2009

  • Creatività a colori.Museo Salvatore Ferragamo

    Palazzo Spini Feroni – oggi palazzo Ferragamo – è il ritratto in pietra di Firenze, ovvero la sintassi di una città in cui le Arti, maggiori e minori – hanno trovato vita.

  • Coats, Max Mara

    L’Incredibile viaggio nella storia della moda italiana attraverso il cappotto, capo icona di Max Mara.

  • DANZA PER LA VITA

    Repetto e l'Unesco,partners in programma di aiuto all'infanzia in difficoltà.