Questo sito contribuisce alla audience di

Juliette has a gun

Romano Ricci e il nuovo romanticismo

Giulietta, mito inossidabile dell’amore impossibile.
Sheakspeare la creò eroina squisitamente romantica, quasi melensa, e la rese immortale. In molti provarono a darle un volto, ma il più convincente fu Zeffirelli che le donò il viso dolce di una splendida Olivia Hussey poco più che adolescente. Claire Danes poco tempo fa, tolto il corsetto e infilati un paio di jeans, perdeva la testa per il suo Romeo – Di Caprio spiato attraverso i vetri di un acquario. Oggi invece Romano Ricci, giovane promessa lanciata da Francis Kurkdjian, vero guru della profumeria, ne stravolge nuovamente il personaggio e le fa un regalo inaspettato: una pistola.
Juliette has gun è infatti il nome del suo nuovo profumo rock e al contempo elegante, che si libera dalle convenzioni e ed esplora nuove frontiere dell’olfatto. Ricci ha dato vita all’essenza stessa della sensualità, ne ha ricercato le forme e i segreti e infine ha trovato la formula.

Juliette has a gun è un progetto che si compone di cinque fragranze che usciranno in serie. Lady vengeance e Miss Charming sono le prime due puntate. Il primo, intenso e sensuale, è l’espressione di una pura femminilità che non lascia scampo. Un profumo in cui Rosa Bulgarica, patchouli e vaniglia si incontrano per dar vita al gioco della seduzione.

Il secondo invece è virginale, per una donna un po’ bambolina, una monella docile ma terribilmente sexy. Una provocante ingenuità creata dalla combinazione di Rosa marocchina, muschio e fragranze fruttate.

Entrambi sono disponibili in confezioni sia da 50 che da 100 ml.

Finalmente Giulietta si è fatta donna ed è consapevole della sua femminilità. E’ arrabbiata e grida vendetta. Ha una pistola ed è pronta da usarla in qualsiasi momento. Sa come provocare ed è lei a condurre i giochi. Se qualcuno volesse nuovamente vivere il suo grande ed eterno amore il consiglio è di stare molto attenti perché può essere decisamente pericolosa.

Articolo inviato da STEFANIA PAGANARDI