Questo sito contribuisce alla audience di

“Scienze della moda e del costume” una facoltà tutta da scoprire

La proposta dell'Università di Roma “la Sapienza” per gli appassionati del settore moda.

La novità dell’Università di Roma, La Sapienza è la Facoltà di Scienze della Moda e del Costume. Un percorso di laurea pensato per coloro che desiderano lavorare nel mondo della moda con una preparazione differente da quella dell’Accademia.

Novità si fa per dire visto che il corso è stato inaugurato nel 2003 con gran riscontro di studenti che ogni hanno raddoppiano le iscrizioni. Il percorso prevede insegnamenti di cinema, fotografia e televisione come l’esame di “fotografia pubblicitaria di moda” oppure di disegno, economia, letteratura con gli esami di “stili e stilisti”, “produzione, consumi e mercati” e “il linguaggio della moda e le tecniche della rappresentazione e del discorso”.

Si può scegliere fra l’indirizzo di ideazione produzione e quello economico manageriale che condizioneranno il piano di studi, il primo incentrato più che altro sugli aspetti legati alla creazione dell’abito, il secondo sulla gestione degli aspetti economici dell’impresa di moda.

I professori sono tutti specialisti e studiosi del settore: Anna Florenzi, Fabiana Giacomotti, Stefania Giacomini, Ciro Paolillo, una corso che avrebbe le carte in regola per diventare davvero un’ottima scuola per futuri professionisti.

Le competenze promesse agli studenti sono “nei settori della produzione, della distribuzione e nella comunicazione in ambito nazionale ed internazionale nel tessile, abbigliamento, arredamento,nello spettacolo, nell’editoria, nella gestione, valorizzazione dei beni e dei servizi artistici e culturali e nel made in Italy”. L’idea dunque è di istruire un futura classe dirigente che valorizzi appunto il made in Italy in generale e soprattutto nell’ambito moda. Ci si chiede se sia veramente possibile, in soli tre anni, raggiungere tale livello ma è certamente da considerare l’impegno, soprattutto da parte dell’Università di aprirsi a nuovi orizzonti, che se fino a qualche anno fa non sarebbero stati proprio considerati, vengono ora trattati con maggiore attenzione e rispetto.

Per quanto riguarda gli sbocchi previsti per gli studenti ci sono “lavori a vari livelli nelle industrie e servizi dei settori tessile, abbigliamento, arredamento, spettacolo, beni artistici e culturali, altri beni con profili di moda e cultura per il loro design e per le componenti tecniche attinenti al contenuto moda; disegno dei modelli e design; ambientazione, styling e valorizzazione di immobili e eventi nei profili di moda, arte, cultura; promotion, management e gestione nei settori della moda e dei beni artistici e culturali; marketing e comunicazione nei settori della moda e dei beni artistici e culturali; design editoriale”. E’ questo punto d’obbligo un in bocca al lupo per tutti coloro che vorranno mettersi in gioco augurandogli soprattutto di non perdersi in questo mare di proposte!

Federica M.Carbone

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • lucrezia

    03 Feb 2009 - 21:30 - #1
    0 punti
    Up Down

    E’ interessante vedere come una persona che scrive articoli per un sito, non sappia scrivere anno… interessante.. e parliamo pure di università!

    cmq.. diffidate da questo corso di laurea.. io sono al secondo anno e ne avrei di cose da ridire..

  • °Saretta°

    29 May 2009 - 08:52 - #2
    0 punti
    Up Down

    Anche io sono al secondo anno di moda e costume e comunque è vero che c’è qualcosa che non va, ma come in tutti i corsi del resto, credo ognuno abbia i suoi problemi, ma essendo un corso ancora molto giovane ce n’è di tempo per migliorare… se ti fa così schifo cambia facoltà no?

  • --angela--

    15 Nov 2009 - 11:50 - #3
    0 punti
    Up Down

    scusate se mi intrometto..l’anno prossim devo iscrivermi all’università e vorrei conoscere qualche informazione su questo corso di laurea che credo mi interessi..per ora so molto poco x via del sito un pò incasinato non riesco a capire quasi niente..qualcuno potrebbe spiegarmi un pò di cosette?????? grazie..

  • Martina9bob

    27 Jan 2010 - 13:25 - #4
    0 punti
    Up Down

    Io sto al primo anno e secondo me è una facoltà veramete interessante. Devo ire inoltre che non è così disorganizzata come molti dicono, noi da quest’anno abbiamo un piano di studi ben definit, fatto di sette esami.
    E’ sicurament vero che voi del secondo anno siete entrati ancora con il vecchio ordinamento ed era ancora inacasinata la facoltà, ma questo è problema che sta alla base della Sapienza.
    Se uno pensa di farsi altri 3 anni di liceo con la pappa pronta allora si è meglio che scelga un’altra strada, ma se invece è una cosa che gli interessa e con la quale vede un futuro lavorativo secondo me è veramente interessante.
    A me piace molto ciò che sto studiando, si ci sono anche materie che non mi vanno giù, ma è normale, non possono piacermi 7 esami su 7.
    Sconsiglio questa facoltà a chi dice ‘non so che fare nella mia vita, a questa facoltà di sicuro non si fa niente’ perchè è una facoltà come le altre bisogna impegnarsi e studiare per ottenere dei risultati!

  • milli

    21 Aug 2010 - 12:13 - #5
    0 punti
    Up Down

    salve,da poco ho sentito parlare di questa facoltà ma in relatà le informazioni che ho raccolto non sono poi cosi dettagliate,soprattutto sul web…vorrei sapere se dopo i tre anni ci sono eventuali specialistiche,e infomarzione sul test di ammissione! graziee!!!!!!!!!