Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10 | prossimi 10 »
  • Il principe che sposò una rana di Italo Calvino

    La bellezza interiore non muore è un fiore che affonda radici nel cuore.

  • La rana e il bue di Fedro

    Essere sempre se stessi è la miglior cosa non credete? Basti pensare a quella rana che per apparir grande come un bue prese a gonfiarsi d'aria, e come un "pallone gonfiato" alla fine esplose, ma...

  • Il lupo e l'agnello di Fedro

    La cattiveria non ascolta ragioni, è giudice di colpevolezza e mai di salvezza, talvolta non serve giustificarsi agli occhi delle persone che hanno il cuore arido, qualunque parola usiate, qualsiasi giustificazione non troverà ascolto in un cor che neanche di se stesso è porto.

  • Il ragno e l'ape di Leonardo da Vinci

    Il ragno rappresenta chi nel dichiarare apertamente la propria natura non ha paura, e l'ape chi "hai il miele in bocca e di dietro il veleno" le cosiddette persone false, questa è la morale più comune, ma...

  • Il grillo e la moneta di Bruno Ferrero

    L'uomo è un animale di abitudini, non c'è cosa più difficile che rompere le abitudini, alla fine diventano le nostre sicurezze, il recinto attorno alla nostra terra...

  • Tutto è possibile!!! di Giovanni Ferraro

    In Proponi la tua favola... il Maestro Giovanni Ferraro

  • Il pollastro e la perla di Fedro

    Tu sai azionare il tuo traslatore interiore il suo nome è Empatia, la capacità di sapersi immedesimare nell'altro attraverso una parola, attraverso uno sguardo...

  • La Storia del Leprotto di Pasqua - Rudolf Steiner

    Il settimo leprotto possedeva una speciale qualità “ la forza di volontà”, non si fece distrarre dalle parole, non si fece fermare dagli ostacoli, lui sapeva cosa fare perchè la sua missione a termine voleva portare.

  • Il lupo sazio e la pecora di Esopo

    La morale classica vi parlerà della sincerità come di un gesto di coraggio, soprattutto quando si tratta di una verità scomoda espressa da chi si trova in una posizione di inferiorità. In questo caso la sincerità della pecora diede al lupo la misura del suo coraggio, alimentadone il rispetto. Ma...

  • Il granchio di Leonardo da Vinci

    Tuffiamoci allora nel profondo di questa favola, che parla di un granchio, di pesciolini e di un sasso, ma che in realtà vuol denunciare la vigliaccheria e la malvagità di alcuni uomini, che hanno come unico scopo quello di procurar danno al prossimo, e per attuare i loro disegni maligni, si nascondono dietro ad altre persone.