Questo sito contribuisce alla audience di

Il Marito di Paglia di Wolfango Horn

Wolfango Horn ci propone tre favole rivolte ai bambini, ma che inducono senz'altro alla riflessione anche gli adulti.

ISBN: 978-88-6096-518-9
Prezzo: € 12,00
Categoria: Libri per bambini
Anno 2010, Pagine: 64
Acquista

Chi non ha mai desiderato di possedere un camino? Le famiglie attorno ai camini ci trascorrevano le loro serate tantissimo tempo fa, prima che facesse la sua apparizione la nostra cara televisione, ed era proprio attorno ai camini che si raccontavano le favole. Oggi non tutti hanno un camino ma la televisione è in ogni casa, e le favole non si raccontano quasi più.

Giriamo ormai come trottole impazzite in una frenetica realtà, e talvolta dieci minuti tolti a questo turbinio di impegni ci sembra quasi di averli rubati, nel dimenticare troppo spesso che solo un genitore ha tra le mani la matita, per disegnare nella mente dei propri figli la vita.

Rubiamo del tempo alla vita in corsa, raccontiamo una favola ai nostri bimbi, le favole sono un canale di comunicazione preziosissimo, non esistono favole belle o favole brutte, tra le mani di un genitore attento, ogni favola diventerà parola ed ogni parola parlerà prima alla mente, per poi scendere sino al cuore lentamente.

Oggi vorrei portare alla vostra attenzione “Il marito di paglia di Wolfango Horn”, libro edito dalla Casa Editrice Kimerik, gradevolissimo nell’impaginazione, con un formato accattivante, piccolo e maneggevole.

Il libro raccoglie tre favole: Il Marito di Paglia da cui prende il titolo il libro, La signora del Lago e Natale per sempre, tre favole dissimili dove sono presenti interessanti spunti educativi, tra i quali la diversità, l’inquinamento, il consumismo.

Sono favole costruite con abilità, riescono a tenere viva l’attenzione del lettore dalla prima all’ultima parola sino a condurlo avvinto verso un finale a sorpresa. “Natale per sempre” è una favola noir, a tratti inquietante che ha saputo tenermi col fiato sospeso sino alla fine, nel chiudere il libro sono tornata a rileggere le parole della prefazione:

“Natale per sempre” è invece un racconto mistery, nato dal desiderio di illuminare con una luce inquietante uno dei momenti più pacifici, intimi e tranquilli come il Natale, dei rituali consumistici del quale l’autore nutre una certa insofferenza personale”.

In effetti il messaggio di Wolfango Horn può lasciare inizialmente scossi, le favole hanno sempre un lieto fine, ma in “Natale per sempre” il lieto fine non c’è, e questo evidente contrasto ha scatenato un turbinio di riflessioni proprio sul Natale.

Il Natale è davvero diventato solo la festa del consumismo? Il Natale si è ammalato di protagonismo? E’ stato indubbiamente spogliato della sua sacralità?

Oggi il Natale è vestito a festa, pieno di fronzoli e palline, di diseducative abbuffate, il Natale era la festa della famiglia, era la luce in una culla, ora sembra quasi essere l’altare del NULLA. Allora ben vengano le favole come quelle di Wolfango Horn che scuotono la mente, e come risvegliandoci da un incantesimo fatto di luci e colori artificiali, forse incominceremo a cercare la vera luce quella del cuore.

…si trovò davanti il Babbo Natale perfettamente funzionante, in posizione eretta, che apriva di scatto la bocca facendo “HO!HO!HO!”, muoveva ritmicamente le braccia dondolando la lanterna e cantava parole natalizie, con un sinistro effetto di ferro raschiato…

Siamo come falene impazzite attorno a una fiamma, ingenue fino a questo punto? Io credo di no, raccontiamo favole vere, come quelle di Wolfango Horn, incamminiamo i nostri figli verso la realtà. Abbiamo tra le mani una matita per tracciare nella loro mente la realtà della vita, non riempiamogli la testa di fantasie, siamo al mondo per crescere uomini e donne, non gnomi e fatine.

Wolfango Horn, nasce a Trieste e di lontane origini tedesche. Abita da molti anni in provincia di Bologna, laureato in scienze biologiche e specializzato in genetica applicata e in bioinformatica: si occupa di ricerca sul cancro, prima presso l’IST - Istituto nazionale per la ricerca sul cancro, ora in ARPA - l’Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente dell’Emilia Romagna. Da tempo appassionato di storia e di storie, con particolare predilezione per il medioevo, raccoglie, studia e racconta eventi, stranezze, biografie insolite sia sotto forma di articoli divulgativi che di racconti, è uno dei redattori del mensile locale BorgoRotondo, saltuariamente, collaboratore di Radio Città del Capo - Popolare Network, è inoltre assessore alla cultura del Comune di San Giovanni in Persiceto.

I libri di Wolfango Horn

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • peppino fieni

    19 Dec 2010 - 10:51 - #1
    0 punti
    Up Down

    L’esistenza è formazione, la favola l’accompagna. Anche la scienza è favola, se guardiamo i suoi aspetti che sono anche narrativi, oltre che matematici.