Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista alla scultrice Adriana Mastellari

Adriana Mastellari (nata nel 1933 a Ferrara), da decenni è tra le protagoniste indiscusse dell’arte contemporanea ferrarese, tra le figure di Ferrara città d’arte certamente più conosciute[...]

opera di Adriana Mastellari Adriana Mastellari (nata nel 1933 a Ferrara), da decenni è tra le protagoniste indiscusse dell’arte contemporanea ferrarese, tra le figure di Ferrara città d’arte certamente più conosciute e giustamente apprezzate nel panorama italiano, finanche internazionale.

Scultrice, pittrice e grafica: è squisitamente neorinascimentale, per la particolare evocazione,-informazione, attraverso la materia messa in forma… di una visione dell’arte incentrata sull’Anima e l’esistenza umane, tra gli input stessi dichiarati dall’autrice di Michelangelo, Giotto e Paolo Uccello; un messaggio tacito in tutta la sua pur ormai lunga, complessa, dinamica ed eclettica produzione, caratterizzato a livelli strettamente critici, da una ricombinatoria delle fondamentali svolte della scultura contemporanea del novecento.

…Secolo 20 artistico, dalla Mastellari, appunto, attraversato e autonomamente rimodulato, tra echi delle avanguardie, memoria culturale stessa metafisica, fino alle novità “ecopoetiche o ambient o letterarie” più contemporanee, persino certo ritorno a certa cosiddetta Arte Sacra, riformulata a livello archetipale, nella sua “fisica”, essenza trascendente e cosmica, senza sovrastrutture storico teologiche.

L’artista vanta le numerose personali e collettive , in tutto il mondo:

Personali: mostre americane (personali a New York, Art fulcrum, 1987, Judite Galleries, 1988), in Belgio (Lineart Galleria, 2001), Olanda (Airt Fair-Den Hagg e Utrecht, 2001), diverse volte nella capitale a Roma (Galleria Navona, Teatro Valle, Teatro Ristori,Teatro Quirino), Bologna (Due di Quadri, 1986), Verona (Euro Expo, 1991), Piombino (Etruriarte, 1996) Rovigo (Porto Viro- Ca’ Corner, 2001)ovviamente Ferrara ( tra cui, Galleria del Torrione, 1980; Centro Attività Visive-Palazzo dei Diamanti-1981; Stellata di Bondeno, 1983; Galleria Carbone , 2001 e 2002), l’antologico recente florilegio Adriana Mastellari Opere 1973-2008 (Castello Estense, 2009, a cura dell’UDI, Centro Biennale Donna Lola Bonora e Comune di Ferrara, catalogo a cura di Anna Maria Fioravanti Baraldi, Comitato Biennale Donna -le stesse Baraldi e Bonora, Anna Quarzi, Ansalda Siroli, Dida Spano, Antonia Trasforini, Liviana Zagagnoni).

Tra le collettive, in particolare: all estero, Swansea -Gran Bretagna ( New Gallery, 1980), Sarajevo e Zagabria-ex Jugoslavia (Collegium Artisticum, Centro Culturale Italiano,1980), Bucarest-Romania (Casa della Cultura, 1981), Francoforte-Germania (International…. 1983), Tsukuba, Tokio-Giappone (Expò, 1985), Kemiarvi-Finlandia (…Simposio Internazionale Scultura in Legno, 1987), S.Pietroburgo-Russia (Artiste ferraresi, 1991), Odessa-Ucraina (Simposio Internazionale di Pittura). In Italia: Roma (Artecom, 1974), Padova (Sala della Ragione, 1975), Venezia (Isola di San Giorgio, 1984), Verona (Euroart Expo, 1991), Milano (Forte Crest, 1995), Bologna (Galleria Gnaccarini, 1996) Mantova (Palazzo Ducale).. A Ferrara: Cassa di Risparmio, (L’Urlo, 1974), Palazzo dei Diamanti (Un’idea meccanica 1984),Castello Estense (Per Schifanoia, 1987, Officina Ottanta, 1986), Palazzo Gulinelli- Portomaggiore, (Come fossi una bambola Gulinelli, 1987), Centro Civico Voghiera (Omaggio a ErnestoTreccani, 1994), Galleria Carbone (Grenzounkt, 2001, Anch’io Pinocchio, 2003), Casa dell’Ariosto (Libere per Immagini, 2003), Galleria Arté (Donna nell’labero, 2006).

D- La scultura ai giorni nostri:

R-M’infastidisce certo ritorno ai classici, paradossale assenza di cultura:. Oppure, all’opposto, in certa ultima avanguardia, troppa frenesia, spesso…. l’intuizione andrebbe integratacon altro lavoro necessario..

Alcuni sono artigiani, sembrano persino dei sarti, fanno delle figure….o delle figurine: Pomodoro resta sulla breccia e pochi altri. La scultura è anche sudore e tempi lenti, troppi puntano subito al successo. Con l’arte soddisfi le proprie idee, crei quello quello in cui credi.. Troppi sembrano tuttologi anche in scultura, invece, la tecnica è fondamentale.

D- Ferrara e i suoi artisti

R-La città è meno vitale di quel che sembra: a memoria anche, e nel corso degli anni , in particolare, tra gli artisti Katty Tagliati, Romulina Trentini, Fabbriano, molto attivo anche fuori Ferrara, Zanni , poi alcune realtà storiche come l’Udi, tra le animatrici culturali, Lola Bonora, Anna Maria Fioravanti Baraldi e altri.

D-Progetti Futuri

R-Altre mostre appena possibile: in cantiere una nuova fase di sculture di dimensioni più ridotte e nuovi lavori di grafica. Sguardi più legati al microcosmo della Materia, l’occhio e la mano nel mio caso come quasi un microscopio per esprimere la maggiore complessità del mondo attuale, le sue speranze e dubbi, la mutazione stessa in atto della nuova Bellezza.

Le categorie della guida