Questo sito contribuisce alla audience di

Il Compagno Fini alla Festa del Tricolore 2010

intervista a Alberto Ferretti leader della Destra ferrarese

Il Compagno Fini 1 Settembre 2010: a Mirabello inauguarazione della 29° Festa del Tricolore, evento “classico” dell’ex MSI poi AN, da Giorgio Almirante a Gianfranco Fini, poi remixato dopo la nascita del PDL: come noto molta attesa questa edizione e lo stessa presenza di Gianfranco Fini, annunciata per il 5 settembre, dopo la nota scissione in atto nell’ambito del PDL, con la nascita del gruppo-partito Futuro e Liberà, pseudofuturista, in realtà uno strano OGM politico neodemocristiano, tra temi apparentemente radicali e una essenza, dicono i detrattori, ancora cattofascista , nello spirito. Questa stessa edizione è stata- dopo lunghe polemiche- con probabili scisssioni anche a Ferrara- dagli stessi Balboni, Cimarelli e Malaguti, chiarissimi verso e contro i finiani ferraresi tipo Lodi e Brandani, già bollata come un bluff, un rozzo e banale golpe orwelliano di presa in giro al popolo del PDL e della Destra.

Distante anni-luce ormai i finiani sia dal PDL e-o la nuova destra italiana neoconservatrice ma modernistica, sia da certa destra sociale storica, quella di Almirante che creò… il Festival storicamente più importante per la Destra Italiana, Mirabello sempre sede, prima di Gianfry… di nuove e inedite comunicazioni politiche fondamentali. Forse Fini - nonostante dica il contrario- farà sì la consueta rivelazione (ufficializzando il nuovo partitino e l’alleanza strategica - incredibile- con il PD anch’esso in coma terminale dopo le sane parole in libertà dei vari Renzi e Vendola). O forse annuncerà con il suo solito stile opportunistico e da Pinocchio in camicia oggi Dolce e Gabbana…o mocassini Badoglio convertito all’Islam… il gemellaggio tra Mirabello e Montecarlo….

Di seguito una intervista a Alberto Ferretti, protagonista alternativo da sempre della Destra ferrarese e italiana, aperto e postideologico, capace anche di sinergie culturali con certa avanguardia futuristica notoriamente libertaria e tecnoanarchica.

D- Ferretti- Festival del Tricolore 2010 - un falso storico?

R- Più che un falso storico è un bluff, un maldestro tentativo di riciclarsi che sarà smascherato appena gli ospiti della manifestazione apriranno bocca. Mi chiedo come faranno a spiegare al loro (ex) elettorato di riferimento la nuova linea politica radicalmente opposta alla precedente? Forse Fini e i suoi seguaci non conoscevano Berlusconi quando decisero di fondare insieme a lui il PDL? Mi pare un risveglio tardivo e un tantino strumentale il loro… dovranno pur dare qualche spiegazione in tal senso prima o poi! (Alberto Ferretti)

D- Che è successo al “camarade” Gianfranco Fini?

R- Insomma, capisco che si può cambiare idea e che diventi un po’ difficile spiegare il cambiamento di rotta totale al proprio seguito, ma almeno si abbia l’onestà intellettuale di dire le cose come stanno e di non nascondersi dietro un dito! C’è chi sostiene -e ritengo a ragione- che Fini non sia mai stato né si sia mai considerato lui stesso un “camarade”. Effettivamente un ragazzo, all’epoca liceale, che è diventato di “destra” (ipse dixit) perché “i rossi” nel ‘68 gli impedirono di andare a vedere il film “Berretti Verdi” con John Wayne, sinceramente è davvero poco credibile. Ed infatti il lento ma inesorabile percorso di trasbordo ideologico lo ha portato, abiura dopo abiura, a su posizioni antitetiche a quelle della Destra Italiana. E’ infatti un non credente dichiarato (non si è mai sentito un uomo di destra ateo, un vero ossimoro); è a favore della fecondazione artificiale e per il riconoscimento delle coppie gay (contro le indicazione della Chiesa Cattolica); vorrebbe la cittadinanza breve ed il relativo voto alle amministrative per gli immigrati; è per l’insegnamento del Corano nelle scuole italiane…
Queste posizioni evidentemente sono più da partito radicale (infatti Della Vedova proviene da li) che non da partito di destra. (Alberto Ferretti)

D- Il Pd che insegue i finiani… Schizofrenia politica?

R- Mettiamoci per un attimo nei panni -a dire il vero piuttosto scomodi in questo momento- di Bersani e Co. Tra l’alternativa di restare all’opposizione altri quarant’anni, e la possibilità di cavalcare la tigre finiana per sfiancare il Cavaliere, effettivamente non ha nessun’altra alternativa concreta. Diciamo che chi sta annegando si aggrappa a qualsiasi relitto pur di non annegare! Schizofrenia o puro istinto di sopravvivenza? Mah… giudicherà la gente! (Alberto Ferretti)

D- Destra e Sinistra postideologia…

R - Fermi i valori e gli ideali che devono contraddistinguere gli uomini retti, sarebbe ora di uscire da certi schemi ideologici che fanno si che il confronto politico non avvenga quasi mai su fatti e proposte concrete, ma su pregiudizi e retaggi di un passato remoto ed irripetibile. Il male della politica italiana sta nel non capire che questo atteggiamento allontana il popolo e gli elettori dall’impegno civile, sociale e politico. Mi rendo conto che con dei residuati che ancora si rifanno alla rifondazione del comunismo è un tantino difficile parlare e confrontarsi in modo costruttivo, ma speriamo sempre che si possa finalmente aprire una stagione politica di onesto confronto, non più ideologizzato, tra tutte le forze politiche sui temi reali e quotidiani, che stanno veramente a cuore della gente, per cercare finalmente di risolvere i problemi della nostra società e per un futuro migliore per noi ed i nostri figli. (Alberto Ferretti)

Le categorie della guida