Questo sito contribuisce alla audience di

Il 2006 visto da Jean Todt

Anche quest'anno il Direttore Generale della Ferrari Jean Todt ha voluto presentarsi in qualità di responsabile della Scuderia Ferrari Marlboro, rispondendo così alle numerose questioni che gli sono state poste dalla stampa internazionale, nell'ambito della conferenza di presentazione della 248 F1.

“Il fatto di vedere la nuova vettura” - ha esordito lo stesso Todt -, “con i loghi dei nuovi sponsor e soprattutto con i numeri 5 e 6 che per noi rappresentano un ritorto ad un lontano passato ci da un grandissimo stimolo a fare meglio e a riappropriarci di quel posto che tutta la squadra ha il fortissimo desiderio di riconquistare.”

Riguardo invece alle prestazioni della nuova vettura, lo stesso Todt, si è mostrato alquanto prudente, dicendosi sicuramente fiducioso ma, al tempo stesso, ancora in attesa del primo vero confronto con la concorrenza. Alla domanda riguardo alla possibilità di proseguire il rapporto con la Ferrari nell’attuale veste anche dopo il 2006, il Direttore Generale della Casa di Maranello ha preferito rimandare il discorso e proseguire invece la conversazione riguardo alle possibilità del Team nella prossima stagione.

 
 
A tal proposito, è stato illustrato alla stampa in dettaglio il programma dei test che, a causa del freddo presente al Mugello, potrebbe vedere i due piloti ufficiali raggiungere, già da domani, il collaudatore Marc Genè a Barcellona e che poi proseguirà a Valencia, Bahrein e Jerez prima dell’inizio della stagione. Test che vedranno impegnata la nuova 248 F1, per il momento realizzata in esemplare unico, affiancata dalla vettura ibrida dello scorso anno.

Riguardo infine al nuovo acquisto Felipe Massa, Todt ha avuto parole di elogio nei confronti del giovane brasiliano che ha mostrato una notevole capacità di apprendimento, un’altrettanta notevole dose di umiltà ed una buona predisposizione al lavoro in team che porterà certamente lui e la squadra ad amalgamarsi al meglio, nel giro di poco tempo. Riguardo invece alla possibilità che Valentino Rossi effettui un test al volante della nuova vettura, già a partire da Valencia, Todt si è detto possibilista, pur precisando che non vi è ancora assolutamente nulla di definito al 100%.