Questo sito contribuisce alla audience di

Ecco la Ferrari per il 2007

L'Amministratore Delegato della Ferrari, Jean Todt, ha concluso la conferenza stampa di anteprima della nuova Ferrari F2007, tenuta con i giornalisti accreditati a Fiorano, nelle strutture della pista privata della Casa di Maranello.

“Il 2007 - ha raccontato Jean Todt - è diverso dagli anni passati per tanti motivi. Di solito questo primo saluto dell’anno lo facevo a Campiglio e invece la settimana scorsa sono rimasto qui a lavorare su altre questioni dell’azienda. Questo fatto è un simbolo del nuovo ciclo della Ferrari.
Ieri abbiamo fatto un po’ di shopping a Milano con Michael e con lui abbiamo parlato di tante cose. Ora è in officina per vedere la macchina, con l’incarico non di pilota. Mi ha fatto una strana impressione vedere Kimi vestito in rosso perché fino ad ora per parlarci ci dovevamo nascondere, mentre ora possiamo farlo in modo normale. Ross Brawn è a pescare, avete visto il nuovo Direttore Tecnico, Mario Almondo, a Campiglio e oggi avete conosciuto Aldo Costa e Gilles Simon nel nuovo ruolo di responsabili dei rispettivi reparti.

Il prossimo campionato sarà un battaglia difficile perché abbiamo avversari forti e ambiziosi. Noi ambiziosi lo siamo da sempre, cercheremo di essere anche forti. Dobbiamo ovviamente rispondere con dei fatti e gli elementi ormai ci sono. La macchina è pronta e domani girerà con Massa, tempo permettendo. Sarà un giornata di lavoro e di impegno anche con i nostri clienti che si chiuderà in serata con la premiazione della stagione Corse Clienti 2006.

Per quanto riguarda il nuovo organigramma della Scuderia, è doveroso sottolineare che Ross Brawn aveva la responsabilità della Direzione Tecnica, esclusi i motori, mentre Almondo è Direttore Tecnico di telaio e motori. E’ un’organizzazione interessante perché Almondo ha un’esperienza ampia alla Ferrari, ha altre competenze e altro ruolo rispetto Ross. In pista il capo sarà Baldisserri, è una distribuzione dei ruoli diversa, le responsabilità sono state divise diversamente.”