Questo sito contribuisce alla audience di

A “CentoVetrine” con Attila nel cuore

Un anno fa Flavio Montrucchio vinceva la seconda edizione del reality show. La Aran però l’ha subito catturato e trasformato in attore. E lui, adesso, sogna di lavorare col “terrunciello” Diego.

Non dite a Flavio Montrucchio che, anche nell’ipotesi che Diego Abatantuono riprenda il personaggio del “terrunciello” nei suoi prossimi film, lui non avrebbe il physique du role per far parte del cast col visino da fotoromanzo che si ritrova: questa osservazione gli farebbe troppo male. “Il fatto è che io sono cresciuto veramente col mito di Diego Abatantuono e di quei suoi primi film. Tempo fa mi è capitato d’incontrarlo in un ristorante. Non mi sono lasciata sfuggire l’occasione, l’ho avvicinato e ho cercato di convincerlo a girare un seguito del mitico “Attila, flagello di Dio”: sono certo che avrebbe un successo eccezziunale”.

Intanto però si allena con la soap opera. Quando è avvenuto l’incontro con “Cento vetrine”?

Ai tempi del “Grande Fratello”: la casa di produzione del programma, la Aran, è la stessa della soap ed i miei provini erano piaciuti anche ai produttori di “Cento Vetrine”. Così, una volta terminata la trasmissione mi sono messo al lavoro: ho studiato recitazione con Lina Bernardi, una grande attrice che sta cercando di migliorare la mia dizione: è vero che la soap si gira a Torino, la mia città, ma certe mie vocali sono ancora troppo aperte”.

Così adesso lavora vicino a casa. Sarà contenta la mamma……

In realtà ora vivo da solo ma è vero, sono solo ad una quarantina di Km dai miei. Mia madre poi è doppiamente contenta perché, dopo aver criticato la mia partecipazione al “Grande Fratello”, che non le piaceva, ora mi vede nella sua soap preferita: insomma mi son fatto perdonare”.

Che tipo di personaggio interpreta?

Sarò Alessandro Torre, un personaggio sostanzialmente buono, ma un po’ provato dalla vita: è cresciuto in orfanotrofio, non conosce i suoi genitori che però un giorno gli lasciano una cospicua eredità. A “Cento Vetrine” fa amicizia con Rosa (Sabrina Marinucci): lei è la figlia dell’ex direttore dell’orfanotrofio in cui è cresciuto”.

Qual è la sua impressione? E’ andata bene?

Dicono di sì, anche se io non mi sono ancora visto in nessun girato, pare sia meglio non farlo: comunque non mi sento impacciato, credo sia un dato positivo….

Anche la sua fidanzata Alessia Mancini presto debutterà come attrice, vi piacerebbe lavorare insieme?

Perché no, in fondo dev’essere divertente, e poi escludo che tra noi possano nascere gelosie professionali”.

Posso chiederle come ha speso tutti i soldi guadagnati con la vittoria di “Grande Fratello”?

Parte di questi soldi è stata investita e parte è servita a togliermi qualche sfizio: un paio di lunghi viaggi ed un’automobile nuova, ma non sono uno spendaccione”.

Ora che ha provato il brivido della recitazione vorrà continuare su questa strada. Quali sono suoi sogni?

Intanto sto a “Cento Vetrine” per un anno poi si vedrà. Abatantuono a parte, credo che la gratificazione che un attore provi a teatro sia difficilmente paragonabile a quella di chi lavora su un set televisivo”.

Tra un mese parte “Grande Fratello 3”. Lo seguirà?

Compatibilmente con i miei impegni, sì: ero telespettatore fedele anche della prima serie, per me resta un evento. E, come me, tanta gente tornerà ad appassionarsi alle vicende della casa”.

Tratto dal settimanale Telepiù

Ultimi interventi

Vedi tutti