Questo sito contribuisce alla audience di

Le tre metamorfosi di Zarathustra

Tre metamorfosi io vi nomino dello spirito: come lo spirito diventi cammello, e leone il cammello, e fanciullo alla fine il leone. Si apre così il capitolo Delle tre metamorfosi del Così parlò[...]



Tre metamorfosi io vi nomino dello spirito: come lo spirito diventi cammello, e leone il cammello, e fanciullo alla fine il leone.

Si apre così il capitolo Delle tre metamorfosi del Così parlò Zarathustra di Friedrich Nietzsche, uno dei più esemplificativi e importanti dell’intera opera del filosofo tedesco. Col tipico linguaggio poetico e enigmatico, Zarathustra annuncia la sua “buona novella” alla gente, dopo aver trascorso un lungo periodo di meditazione in totale isolamento.

Cioè che Zarathustra/Nietzsche racconta è come lo spirito sia stato costretto, nel corso di una storia millenaria, a rimanere “cammello”: il cammello è l’animale da soma che dice continuamente “SI”, che accetta ciò che gli viene imposto, che viene caricato dei pesi maggiori e inginocchiandosi accetta silenzioso il suo destino. Questo è l’uomo cristiano, l’uomo che ha deciso di subordinare la sua vita alla fede e al comando di qualcun altro.

La seconda metamorfosi è da “cammello” a “leone”: il leone è l’opposto del cammello, e si caratterizza per il suo dire “NO”, per il rifiuto continuo ad accettare il mondo così com’è. Il leone è l’ “IO VOGLIO”, è la fonte di nuovi valori, la libertà e l’opposizione: Crearsi libertà è un santo No anche di fronte al dovere: per questo, fratelli, c’è bisogno del leone.

Ma il leone è ancora troppo legato al passato, troppo acerbo è improduttivo: per la fondazione di nuovi valori e l’affermazione della propria volontà di potenza, è necessario tornare al “SI”, ma questa volta a un “sacro dire SI” ovvero al “SI” del fanciullo: Innocenza è il fanciullo e oblio, un ricominciare, un gioco, una ruota che ruota da sola, un primo impulso, un santo dir sì.
Col “SI” del fanciullo si annuncia l’avvento del Super-uomo, colui che si sottrae dal peso della storia e del passato, che al rifiuto accompagna lo spirito creativo e il gioco.