Questo sito contribuisce alla audience di

Giuseppe Gangi: I presocratici

Un saggio breve ma denso sul cosiddetto "anteprima filosofico"

All’interno di questa Guida abbiamo ampiamente trattato dei Presocratici, ovvero di tutti quei pensatori che hanno dato i natali alla filosofia, che hanno interrogato il mondo per emanciparlo dalla superstizione e dal mito per indagarlo fin nell’intimo. Si è trattato di una stagione che avrebbe fatto da riferimento per tutto il corso della storia del pensiero; non a caso, Giuseppe Gangi parla di “anteprima filosofico” nel suo bellissimo saggio I Presocratici, pubblicato da Edizioni Clandestine.

Versatile, profondo ma al contempo di godibile lettura, non riservato agli specialisti del settore, questo libretto è una guida utilissima per districarsi in questo universo di scuole e teorie che verranno poi sconvolte dall’avvento di Socrate e Platone, e con la nascita poi della Metafisica propriamente detta. Questi sono gli anni infatti della transizione dal sapere mitico al sapere filosofico, prima del dominio della razionalità. Dalla scuola ionica di, tra gli altri, Talete e Anassimandro, alla Scuola pitagorica che rintracciava nella matematica il codice dell’armonia e dell’equilibrio dell’universo. E poi Eraclito, Empedocle, Parmenide fino alla Scuola atomistica di Democrito. Il testo evidenzia come all’origine della grande avventura della filosofia ci sia una profonda passione per la conoscenza, un vero e proprio “amore”. Così infatti scrive Gangi nell’introduzione:

Dunque la filosofia è strettamente connessa all’amore. Infatti, non fa filosofia chi è sapiente (come gli dèi) e neppure chi è del tutto ignorante e chiuso nella sua presunzione di sapere tutto, ma soltanto chi si sente in stato di bisogno e di povertà rispetto alla sapienza e nello stesso tempo ama e desidera la sapienza proprio perchè non la possiede.

Giuseppe Gangi, infatti, si è occupato di filosofia senza mai trascurare il sue legame concreto con l’esistenza, e questo lo ha condotto anche all’esoterismo e alla cultura orientale (citiamo tra le sue pubblicazioni, Il dopo, tra filosofia ed esoterismo e Misteri esoterici). Questa sua ultima fatica è l’opportunità di recuperare una splendida esperienza della cultura occidentale, purtroppo spesso trascurata ma che invece rivela ancora un’attualità incredibile, relativamente ai temi e alle questioni affrontate: un’autentica anteprima della nostra millenaria civiltà.