Questo sito contribuisce alla audience di

Lorella Congiunti: Lineamenti di filosofia della natura

Un manuale per attraversare la storia della filosofia e approfondire il suo rapporto con le scienze naturali

E’ risaputo come la filosofia, ovvero l’ “amore per il sapere”, abbia nel corso della sua storia incrociato, se non addirittura inglobato al suo interno, le scienze naturali. Questo perchè la scienza come la filosofia nascono entrambe dinanzi allo stupore dell’osservazione dell’uomo, al cospetto delle meraviglie del mondo e specialmente della natura.
Certo, la natura deve essersi mostrata da subito agli occhi dell’uomo non esclusivamente come uno spettacolo di cui godere, ma spesso anche come una minaccia, un enigma che pretendeva di venire interrogato. Per questo, la filosofia è stata spesso “filosofia della natura”, interrogativo della razionalià dell’uomo nella sua relazione col mondo.

Un preciso e completo manuale edito dalla Urbaniana University Press, ripercorre con precisione le tappe e i temi fondamentali della filosofia della natura; Lineamenti di filosofia della natura è un volume scritto da Lorella Congiunti, professoressa proprio di Filosofia della Natura presso la Pontificia Università Urbaniana, autrice in passato di opere dedicate al rapporto tra fede e scienza (Soggetto del sapere e scienze moderne. Il Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo di Galileo, 2006) e alla filosofia di Tommaso (Studi sul pensiero di Tommaso d’Aquino, 2009).

Il viaggio affascinante dell’autrice rinuncia al tono pedante e accademico per concentrarsi sull’importanza dei dubbi e degli interrogativi che animano da sempre l’uomo dinanzi alla natura; nella prima parte, Congiunti elenca le varie tipologie di “filosofia della natura” susseguitesi nel secolo, dalla prospettiva teoretica a quella ontologica, per poi illustrare in che modo, con la rivoluzione scientifica galileiana, le scienze della natura si siano distaccate distinguendosi dalla filosofia, soprattutto in relazione al “metodo”.

Nella seconda e nella terza parte, il percorso del testo si focalizza su alcune terminologie caratteristiche delle scienze naturali, ovveri i “corpi” e il “movimento”, temi costanti nella riflessione filosofica, in particolar modo a partire dal fondatore della filosofia come conoscenza della natura, ovvero Aristotele, che rifiutando il modello iperuranico del maestro Platone, restituì dignità allo studio del mondo, dando gli strumenti speculativi sui quali tutto il sapere occidentale e orientale avvenire avrebbe fatto riferimento. Nella quarta parte, ci si occupa della categorie essenziali dei corpi, mentre nella quinta si affrontano gli interrogativi essenziali relativi all’ordine naturale (le leggi di natura, il concetto di male…).

Il volume, avendo una funzione pedagogica, contiene una parte consistente dedicata alla verifica e all’esercitazione, nonchè una dettagliata parte bibliografica. Sempre per lo stesso motivo, a rendere agile il manuale contribuiscono numerosi Excursus dedicati a temi e problemi anche contemporanei, legati alla riflessione moderna, come la Neuroscienza, il Digitale, persino la teoria delle Stringhe.

Si tratta perciò di un volume divulgativo ma completo, denso e carico di argomenti; un’ottima introduzione alla “filosofia della natura” con la consapevolezza che essa si identifica quasi completamente con la filosofia tout court, soprattutto perchè, come sostiene l’autrice nel prologo, “la filosofia per sua struttura è un sapere sempre vivo in cui ciascun soggetto è coinvolto in prima persona“.