Questo sito contribuisce alla audience di

Il gabbiano Jonathan Livingston (Richard Bach)

"Al vero Gabbiano Jonathan che vive nel profondo di noi tutti". Il testo on line.

Era di primo mattino,
e il sole appena sorto luccicava tremolando sulle scaglie del mare appena increspato.

A un miglio dalla costa un peschereccio arrancava verso il largo. E fu data la voce allo Stormo. E in men che non si dica tutto lo Stormo Buonappetito si adunò, si diedero a giostrare ed accanirsi per beccare qualcosa da mangiare. Cominciava così una nuova dura giornata.

Ma lontano di là soletto, lontano dalla costa e dalla barca, un gabbiano si stava allenando per suo conto: era il gabbiano Jonathan Livingston. Si trovava a una trentina di metri d’altezza: distese le zampette palmate, aderse il becco, si tese in uno sforzo doloroso per imprimere alle ali una torsione tale da consentirgli di volare lento. E infatti rallentò tanto che il vento divenne un fruscìo lieve intorno a lui, tanto che il mare ristava immoto sotto le sue ali. Strinse gli occhi, si concentrò intensamente, trattenne il fiato, compì ancora uno sforzo per accrescere solo… d’un paio… di centimetri… quella… penosa torsione e… D’un tratto gli si arruffano le penne, entra in stallo e precipita giù.

I gabbiani, lo sapete anche voi, non vacillano, non stallano mai. Stallare, scomporsi in volo, per loro è una vergogna, è un disonore.

[…]

Per continuare la lettura clicca qui sotto il link.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • marilina razzi

    13 May 2010 - 10:06 - #1
    0 punti
    Up Down

    il gabbiano che vola ispera la libertà, il libro un messaggio illuminante per chi inizia la ricerca interiore…. un messaggio importante anche per chi ha già iniziato da tempo e ora trasmette….

Le categorie della guida