Questo sito contribuisce alla audience di

Gila giù, è l'ora di Keirrison?

Gilardino non segna più, stanco fisicamente e mentalmente. Scalpita il nuovo acquisto brasiliano. In campo sabato?

Gilardino fiorentina

La crisi di Alberto Gilardino è ormai conclamata. Un momento difficile, per l’attaccante biellese, che ormai da diverse partite non riesce più a trovare la via del gol. Appannato, poco ludico, impreciso, non cattivo sottoporta come d’abitudine, il Gila soffre di palese stanchezza, non si sa se più fisica o mentale, probabilmente entrambe, e si è smarrito.

D’altronde, questo era un problema decisamente prevedibile. Tra i tanti pregi e le tante mosse azzeccate, Corvino (e la società con lui) ha compiuto due gravi errori nello scorso mercato estivo: non comprare un terzino sinistro all’altezza della situazione, e non acquistare un vero vice-Gilardino, che potesse farlo rifiatare ogni tanto. Castillo si è dimostrato praticamente pleonastico, anche perchè Prandelli non credeva minimamente in lui, e il Gila ha giocato sempre, sempre, sempre.

Ecco il risultato. Il cannoniere non segna più, Mutu è rimasto appiedato, e la Fiorentina ne soffre terribilmente.

Finalmente, la lacuna del mercato estivo pare sia stata colmata a gennaio, con l’arrivo di Keirrison, attaccante giovane che deve dimostrare tutto, ma che comunque pare offrire una qualche garanzia. Prandelli, solitamente non avvezzo a inserire immediatamente in squadra i nuovo arrivati, ha dovuto fare di necessità virtù, e l’ha gettato nella mischia subito, negli ultimi minuti della disgraziata partita di sabato scorso. Stessa cosa ha fatto con Ljajic.

A Firenze si sussurra addirittura che forse sabato sera a Genova il brasiliano potrebbe essere titolare, con Gila in panchina a riposarsi in vista di Monaco. Non sarebbe affatto una brutta idea. Gila-Gol tornerà, ne abbiamo bisogno come il pane, e comunque ne siamo certi, tornerà… Però nel frattempo sarebbe bello scoprire finalmente anche qualche bocca da fuoco alternativa.

Fonte [foto]