Questo sito contribuisce alla audience di

Parma-Fiorentina 1-1: commento

Nel turno pre-pasquale, i Viola pareggiano al Tardini. Una partita discreta, che però si poteva vincere.

Gilardino fiorentina

Un punto guadagnato, o due punti persi? Queste le due ipotesi che popolano la mente dei tifosi Viola tre giorni dopo il pareggio 1-1 a Parma. Qui propendiamo per la seconda ipotesi. Se infatti sulla carta un risultato simile, in un campo difficile come il Tardini, sarebbe stato da accogliere favorevolmente, è vero invece che visti i risultati delle altre, i Viola hanno fallito una grande occasione per rilanciarsi prepotentemente in zona Europa.

Una partita abbastanza buona, anche se altalenante, in cui però i ragazzi di Prandelli non hanno avuto abbastanza forza e concentrazione per portare a casa un successo che sarebbe stato sicuramente possibile. Una sfida equilibrata, in cui i Viola avevano trovato il vantaggio a metà del primo tempo grazie al primo e meritato gol di De Silvestri, imbeccato splendidamente da Jovetic. Una bella soddisfazione per l’ex laziale, giocatore dalle grandissime potenzialità, solo in parte messe finora in mostra a Firenze.

Poi però, come spesso capita, la Fiorentina non ha saputo gestire il vantaggio fino alla fine. Prima ci ha pensato Frey, a salvare un paio di volte il risultato, ma poi, un pasticcio totale della premiata ditta Donadel-Kroldrup ha regalato a Bojinov (neanche a farlo apposta, proprio lui) la palla del pareggio. Un errore grave, che i Viola hanno, giustamente pagato.

E’ finita così, con un punto che lascia discreta rabbia e qualche rimpianto. Anche Prandelli nel dopopartita, infatti, non era propriamente al settimo cielo.

Ora arriva la doppia sfida con l’Inter, prima sabato in campionato (con i nerazzurri obbligati a vincere per non subire il sorpasso della Roma) e poi subito dopo nel ritorno della semifinale di Coppa Italia (in cui invece sono i Viola a essere obbligati al successo per inseguire l’approdo in finale). Sarà dura, ma bisogna crederci!

Fonte [foto]