Questo sito contribuisce alla audience di

Mutu, da reietto a salvatore

Non lo volevano più. Non serviva più. Adesso, dopo l'infortunio di Jovetic, il Fenomeno torna a essere indispensabile.

Mutu fiorentinaFirenze è chiaramente ancora sotto shock, per la tegola del grave infortunio occorso a Stevan Jovetic. La prognosi dovrebbe essere di 6/7 mesi, qualcuno azzarda previsioni lievemente più ottimistiche contando anche sulla volontà del giocatore, ma non sarà certo il caso di affrettare troppo i tempi azzardando rischi inutili. Il montenegrino sarà out per buona parte della stagione, bisogna farsene una ragione.

E adesso, come per magia, torna decisivo Adrian Mutu. La società lo aveva scaricato (quante volte Corvino ha ribadito “puntiamo su Jovetic“?), la sua partenza era data per certa, si è cercato di piazzarlo altrove, ma per fortuna non sono arrivate offerte molto significative; ed ecco che all’improvviso l’uomo che non serviva più diventa indispensabile, nonostante la squalifica che ancora deve finire di scontare e il rischio della sospensione dovuta alla querelle con il Chelsea.

Mutu sì, Mutu no. I tifosi lo amano, pur con qualche eccezione, e inneggiano al Fenomeno durante gli allenamenti. Qualcuno ce l’ha con lui, per la sciocchezza che ha combinato lo scorso inverno. Alla Fiorentina, con poca riconoscenza per quanto comunque ha dato in questi anni, non lo volevano più. Adesso da un giorno all’altro può diventare il salvatore della patria. Misteri del calcio… e della Fede.

Fonte [foto]