Questo sito contribuisce alla audience di

Fiorentina-Empoli 1-0: commento

I Viola passano il turno in Coppa Italia, dopo 120 minuti e una prestazione scialba. Decide Babacar.

fiorentina empoli babacar

La Fiorentina ottiene ciò che voleva, il passaggio del turno in Coppa Italia. Che fatica però. Ci sono voluti ben 120 minuti, per avere la meglio di un Empoli ordinato e mai domo, al termine di una partita scialba, in cui lo spettacolo è stato davvero ai minimi termini.

Mihajlovic mette in campo una squadra giovane, con tanti giocatori che fino ad ora hanno avuto poche occasioni per mettersi in mostra. Un minuto dopo il fischio d’inizio Babacar va vicino al gol con una bella incursione, ma la mira è imprecisa. I ritmi sono lenti, i Viola fanno la partita ma cercano di non sbilanciarsi, l’Empoli contiene e quando può prova a ripartire, le emozioni sono pressochè vicine allo zero. Quelle poche volte in cui la Fiorentina riesce ad arrivare nell’area avversaria, le conclusioni finiscono sempre in tribuna: ci provano il volenteroso Papa Waigo con una bella semirovesciata, e Ljajic con un tiro parato. Niente di più.

Il secondo tempo non è molto distante dal primo. La Fiorentina prova a spingere con un po’ più di voglia e decisione, ma l’efficacia ancora non c’è. L’occasione migliore arriva al 25°, con uno slalom in bello stile del neoentrato Santana e l’assist per Ljajic che colpisce il palo. I supplementari si avvicinano, i Viola provano a evitarli, all’ultimo minuto Cerci entra in area non trovando però la porta. Niente da fare, si prosegue.

Nei supplementari le energie non ci sono più, l’Empoli tenta un paio di volte il colpaccio, e dall’altra parte Gilardino, appena entrato, fallisce un’occasione favorevole. Si attendono i rigori, ma all’ultimo respiro Ljajic inventa un tocco filtrante per Babacar, che batte il portiere avversario con l’aiuto della deviazione di un difensore. Una bella gioia per lui, e un sospiro di sollievo per tutti: la Fiorentina avanza al prossimo turno di Coppa Italia. Per lo spettacolo rivolgersi altrove.

Fonte [foto Poli & Galassi]