Questo sito contribuisce alla audience di

Pazzia tifosi serbi, la delusione di Mihajlovic

Guerriglia urbana ieri allo stadio di Genova. L'allenatore Viola lascia sconsolato la tribuna.

italia logoIncredibile quanto successo ieri sera a Genova, dove Italia-Serbia è iniziata con oltre mezz’ora di ritardo, per poi essere definitivamente sospesa dopo pochi minuti di gioco per le terribili intemperanze dei tifosi ospiti, che hanno messo a ferro e fuoco lo stadio, creando un clima da guerriglia urbana. L’ennesimo episodio intollerabile che ci fa pensare quanto il calcio sia diventato uno sport malato, che spesso esula dai contenuti di gioco per dare vita a violenze che nulla hanno a che fare con lo spirito che dovrebbe essere alla base di questi eventi.

Ha dovuto suo malgrado assistere al delirio del Ferraris anche Sinisa Mihajlovic, l’allenatore della Fiorentina, presente allo stadio. Il tecnico Viola ha lasciato lo stadio mentre i disordini erano in corso, scuotendo la testa, sconsolato per il comportamento incivile dei tifosi serbi. Il neo-ct azzurro ed ex tecnico gigliato, Cesare Prandelli, ha invece dichiarato di non aver mai assistito a niente di simile in vita sua.

Un episodio brutto, bruttissimo, pericoloso e infinitamente triste.