Questo sito contribuisce alla audience di

La Tassazione dell'E-commerce

Proposta del Parlamento europeo per tassare la rete

La comunità europea sta discutendo in queste settimane una direttiva che non può non interessare gli utenti di internet. Infatti si propone di applicare l’IVA a tutte le transazioni commerciali in rete.
Infatti il download di file, l’abbonamento a riviste, ecc, fino ad ora era soggetto ad imposta soltanto all’interno dell’Unione Europea; in altre parole un’azienda extracomunitaria poteva legalmente vendere un prodotto in Italia senza applicare la maggiorazione del 20% per il valore aggiunto.
La cosa, potrebbe avere risultati piuttosto spiacevoli perchè se da un lato potrebbe elevare di 1/5 il costo dei servizi in rete (ogni cosa trasmessa in rete è considerata fiscalmente un servizio), dall’altro potrebbe incentivare il “sommerso”, cioè aziende che decidano di evadere le imposte. La normativa andrà quindi attentamente studiata, sopratutto sul lato sanzionatorio, perchè se è da vedere come si potrà pretendere, ad esempio, di mandare una cartella di pagamento ad una società con sede a Dubai (dove l’e-commerce è esente da imposte), ed ancor più incassare il vantato credito.
La tassazione dell’e-commerce è infatti qualcosa da preparare a livello globale, o auspicabilmente da liberalizzare nel modo più completo.
Questa soluzione porterebbe infatti ad un aumento del gettito dovuto all’aumento del denaro circolante, e quindi delle spese, che com’è noto sono imponibili IVA.