Questo sito contribuisce alla audience di

Familiari a carico: oneri detraibili per il dichiarante

La definizione di familiare a carico è importante in dichiarazione non soltanto per la determinazione della detrazione, ma anche e soprattutto per la corretta imputazione degli oneri detraibili.

La definizione di familiare a carico è importante in dichiarazione non soltanto per la determinazione della detrazione, ma anche e soprattutto per la corretta imputazione degli oneri detraibili. Le spese mediche, d’istruzione, funebri ed altre sono infatti concesse in detrazione al contribuente anche per i familiari a carico. Molto importante e molto diversa è la situazione dei mutui casa: infatti la detrazione spetta separatamente ad ogni soggetto che presenta la dichiarazione e non è trasmissibile. Il che significa che un mutuo contestato ai coniugi dei quali uno fiscalmente a carico, darà diritto alla detrazione ad entrambi. Il dichiarante non potrà cioè indicare l’intero ammontare degli interessi pagati, ma dovrà necessariamente dividerli con il coniuge. In questo caso è ovvio che se quest’ultimo non percepisce redditi tassati di alcun tipo la detrazione andrà “perduta”, poiché non sarà indicabile da coniuge nel proprio Unico.
Diversa è invece la situazione per le spese mediche di competenza di un soggetto a carico, che possono essere imputate al dichiarante o ai dichiaranti con tranquillità. Unica avvertenza: i documenti di spesa intestati al figlio a carico andranno suddivisi fra i coniugi nella proporzione indicata nel quadro di familiari a carico.
Le spese di istruzione universitaria o superiore, gli oneri assicurativi ed i contributi previdenziali non obbligatori seguono la stessa regola delle spese mediche per quanto riguarda la ripartizione.
Le spese di civiltà, cioè quelle funebri per i parenti, saranno riconosciute soltanto per i parenti a carico più gli affidati e gli affiliati. Non rientrano per il Ministero delle Finanze gli zii e le zie, dato che nella circolare 1/6/1999 è stato affermato che non sono parenti ai sensi dell’articolo 433 del codice civile.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • fabrizio

    29 Oct 2008 - 17:03 - #1
    0 punti
    Up Down

    Io ho una moglie extra comunitaria (Russa); lei ha una figlia da un precedente matrimonio. Mia moglie è totalmente a mio carico visto che non lavora. La figlia è a mio carico ?
    Preciso che non c’è stata adozione da parte mia e che sono dichiarate al comune.