Questo sito contribuisce alla audience di

Il modello F24

Guida al modello di versamento unificato F24


L’F24 è un modulo, la cui compilazione viene stabilita dall’Agenzia delle Entrate, che ha lo scopo di identificare e permettere il versamento di numerose imposte e contributi a carico di aziende e privati.

L’F24 consente ai contribuenti di utilizzare un unico modello per la maggioranza delle tasse e versamenti.

Il modello F24 consente di pagare molti tipi diversi di contributi, quali:

* Imposte sui redditi e ritenute alla fonte;
* Imposta sul Valore Aggiunto (IVA);
* Imposte sostitutive delle imposte sui redditi e dell’Iva;
* Imposta regionale sulle attività produttive (IRAP);
* Addizionale regionale o Addizionale comunale all’Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF);
* Contributi e premi INPS, INAIL, ENPALS, INPDAI, INPDAP;
* Diritti camerali;
* Interessi in caso di pagamento rateale;
* Accise, per le quali viene utilizzato l’apposito “F24 Accise”.

Il modello F24 è usato anche per versare gli importi (compresi interessi e sanzioni) relativi a:

* Liquidazione e controllo formale della dichiarazione;
* Avviso di accertamento;
* Avviso di irrogazione sanzioni;
* Accertamento con adesione (concordato);
* Conciliazione giudiziale;
* Ravvedimento.

Con l’F24 i contribuenti possono compensare i crediti e i debiti indipendentemente dalla tipologia di appartenenza dei due valori. La compensazione dei tributi è un vantaggio soprattutto per le aziende che possono usare il valore dei crediti per ridurre ( fino ad azzerare) i versamenti relativi ai debiti, indipendentemente da quando avverrà il rimborso del credito da parte di terzi.

Fino a poco tempo fa era possibile effettuare il pagamento dei tributi dichiarati dal modello F24 presso: sportelli bancari o uffici postali.

Il versamento poteva essere corrisposto:

* in contanti
* con carte PagoBANCOMAT
* con carta POSTAMAT, con addebito su conto corrente postale presso qualsiasi ufficio postale
* con assegni bancari o postali tratti dal contribuente a favore di sé stesso o con assegni circolari o vaglia postali emessi all’ordine dello stesso contribuente e girati per l’incasso alla banca o a Poste
* con assegni circolari e vaglia cambiari, presso i concessionari.

Dal 1º ottobre 2006, il “Decreto Bersani” ha stabilito che alcune categorie di contribuenti con di Partita IVA abbiano l’obbligo di effettuare la presentazione del modello F24 solo via internet. Dal 2007, tale obbligo è stato esteso a tutti i titolari di partita IVA.

Ed ecco i collegamenti che ti consentono di scaricare il modello, le istruzioni ed i codici da utilizzare, oltre alla possibilità di scaricare un programma per la compilazione automatica:

Modello F24
Istruzioni per la compilazione
Codici tributo F24 da utilizzare
Programma F24 on Line

Roberto Pagano
www.lacontabilitaonline.net