Questo sito contribuisce alla audience di

Il Saldo e l'Acconto delle Imposte

Come calcolare e versare il saldo e l'acconto delle Imposte


Si avvicina il termine del 16 Giugno 2009, entro il quale i contribuenti sono tenuti sia al versamento delle imposte dovute a saldo relativamente all’anno di imposta 2008, che alla corresponsione del primo acconto IRPEF, IRES ed IRAP con riferimento all’anno di competenza 2009.
Ricordo che i versamenti sopraindicati possono essere effettuati anche entro il 16 luglio 2009, ritenendo il pagamento medesimo comunque in termine; in tale caso verrà tuttavia applicata una maggiorazione per il differimento pari allo 0,40%.

Un mio precedente intervento ha avuto come oggetto il ravvedimento operoso, mediante il quale si ha la possibilità di regolarizzare spontaneamente violazioni ed omissioni con il versamento di sanzioni ridotte, la cui entità varia a seconda della tempestività del ravvedimento e del tipo di violazioni.
Vi sono due modalità con le quali è possibile determinare l’importo dovuto come acconto IRPEF ed IRES per il 2009:

• sulla base della dichiarazione dei redditi, ossia in base all’imposta dovuta per i redditi 2008 (c.d. calcolo con metodo storico);

• in base all’imposta stimata che il contribuente ipotizza di dover versare in relazione al reddito previsto per l’anno 2009 (c.d. metodo previsionale).

VERSAMENTO IN BASE AL METODO STORICO

In linea generale, l’acconto va calcolato sulla base di quanto dichiarato dal contribuente con riferimento al periodo d’imposta precedente.
Il metodo storico consiste, appunto nel considerare come base di calcolo, l’imposta a saldo risultante dalla dichiarazione dei redditi presentata nel 2009 e relativa al periodo d’imposta precedente.
Pertanto, ai fini del calcolo degli acconti IRPEF ed IRES si dovrà considerare:
• il 99% dell’importo esposto a rigo “Differenza” del Mod. Unico PF 2009 per quanto riguarda l’IRPEF;
• il 100% dell’importo esposto a rigo “IRES dovuta o differenza a favore del contribuente” del modello Unico 2009 SC e del modello Unico 2009 ENC relativamente all’IRES.

VERSAMENTO IN BASE AL METODO PREVISIONALE

Anziché calcolare l’acconto sulla base di quanto dichiarato per il periodo d’imposta precedente (metodo storico), il contribuente può versare un minor acconto, senza incorrere in sanzioni, utilizzando il c.d. metodo previsionale, purché la somma degli acconti versati in base alla stima sia almeno pari:
• per l’acconto IRPEF, al 99% del rigo “Differenza”, che in base alle presunzioni effettuate, dovrebbe comparire nella dichiarazione dei redditi da presentare nel 2010 (con riferimento ai redditi 2009);
• per l’acconto IRES, al 100% del rigo “IRES dovuta o differenza a favore del contribuente” che si suppone dovrebbe indicarsi nella dichiarazione dei redditi da presentare nel 2010 (con riferimento al periodo d’imposta precedente).

ACCONTO DA CORRISPONDERE IN UN’UNICA SOLUZIONE

II versamento degli acconti IRPEF ed IRES va effettuato in un’unica soluzione entro il 30 novembre qualora si verifichino una delle seguenti situazioni:
• acconto IRPEF: se il debito d’imposta è superiore a € 51,65 ma inferiore a € 260,11;
• acconto IRES: se il debito d’imposta è superiore a € 20,66 ma inferiore a € 257,50.

ACCONTO DA CORRISPONDERE IN DUE RATE

Se l’imposta dovuta per il 2008 è superiore, rispettivamente, ad € 260,11 (pari o superiore ad € 261,00) ovvero € 257,50 (pari o superiore ad € 258,00), gli acconti IRPEF ed IRES devono essere versati in due rate, la prima nel mese di giugno-luglio e la seconda entro novembre.

ACCONTO IRPEF

Per i soggetti IRPEF, se l’importo a debito indicato in dichiarazione risulta pari o superiore ad € 261,00, il versamento dell’acconto è fissato nelle seguenti misure:
• la rata a giugno/luglio: 39,60% dell’imposta complessiva relativa all’anno precedente (o stimata per l’anno in corso);
• 2a rata a novembre: 59,40% dell’imposta complessiva relativa all’anno precedente (o stimata per l’anno in corso).

ACCONTO IRES

Per i soggetti IRES, se l’importo a debito indicato in dichiarazione risulta pari o superiore ad € 258,00, il versamento dell’acconto è fissato nelle seguenti misure:
• la rata a giugno-luglio : 40% dell’imposta complessiva relativa all’anno precedente (o stimata per l’anno incorso);
• 2a rata a novembre : 60% dell’imposta complessiva relativa all’anno precedente (o stimata per l’anno in corso).

DETERMINAZIONE DELL’ACCONTO IRAP

Tale acconto va:
determinato seguendo le disposizioni previste per le imposte sui redditi;
e
va versato con le modalità e nei termini per queste stabiliti (art. 30, D.Lgs. n. 446/1997).
Ai fini della determinazione dell’acconto si deve far riferimento al rigo “Totale imposta”, contenuto nel quadro IR del Mod. IRAP 2009.

Roberto Pagano
www.lacontabilitaonline.net

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • carcass

    21 May 2009 - 10:23 - #1
    0 punti
    Up Down

    I vostri articoli sono sempre preziosissimi in questa giungla di norme ;)