Questo sito contribuisce alla audience di

L'Alfabeto del Fisco- dalla A alla Zeta-

Tutte le parole del fisco spiegate dalla A alla Zeta - Parte 10-Lettera C-


Spieghiamo le parole che iniziano con la lettera “C”

Cfc
Sigla internazionale con cui vengono comunemente definite le cosiddette “società controllate estere” (controlled foreign companies).
Classe catastale
Criterio di distinzione degli immobili di una data categoria catastale in relazione al grado di finitura, ai servizi, ai vani e alla posizione. All’interno della categoria A (abitazioni), ad esempio, ci sono le classi 1 - abitazione di tipo signorile - 2 - abitazione di tipo civile - 3 - abitazione di tipo economico - eccetera (categoria e classe sono indicate congiuntamente – A/1, A/2 eccetera).
Codice fiscale
Sinonimi: Sequenza di caratteri alfanumerici che identifica ogni contribuente (persone fisiche, società, enti eccetera) nei rapporti con l’Amministrazione finanziaria e con gli altri enti e uffici pubblici. Per le persone fisiche viene determinato sulla base dei da, per le persone giuridiche corrisponde in genere con il numero di partita Iva.
Codice Pin
Codice identificativo personale, formato da dieci cifre, che consente di usufruire dei servizi telematici dell’agenzia delle Entrate erogati mediante il canale Fisconline.
Codice tributo
Sequenza di numeri e lettere che identifica il tributo, da riportare sul modello di pagamento (F23 e F24).
Coefficienti di ammortamento
Aliquote da applicare ai beni strumentali per determinare la quota di ammortamento di competenza dell’esercizio. La normativa fiscale, con appositi decreti ministeriali, fissa i coefficienti massimi di ammortamento.
Commercio elettronico
Vendita di prodotti per via telematica. Fiscalmente si distingue fra commercio elettronico diretto (cessione e consegna avvengono per via telematica) e commercio elettronico indiretto (la cessione avviene per via telematica, ma la consegna del bene avviene secondo i canali tradizionali).
Commissioni tributarie
Organi competenti per le controversie di natura tributaria (v. Processo tributario).
Compensazione
Modalità di estinzione del debito tributario consistente nella possibilità di compensare, mediante il modello F24, debiti e crediti con i diversi enti destinatari dei versamenti unificati. La compensazione può essere verticale (ad esempio, Irpef a debito compensata con Irpef a credito) e orizzontale (ad esempio, debito Iva compensato con credito Ires).
Compenso in natura
Beni o servizi erogati a titolo di corrispettivo di una prestazione (v. Fringe benefits).
Compromesso
È il contratto con cui le parti assumono l’impegno a concludere la compravendita.
Comunicazioni
Avvisi inviati al contribuente, emessi a seguito delle attività di controllo automatico e formale delle dichiarazioni e di liquidazione dei redditi assoggettati a tassazione separata.
Conciliazione giudiziale
Strumento cosiddetto “deflativo” del contenzioso. E’ una procedura attraverso la quale si può chiudere un contenzioso aperto con il Fisco. Infatti, in presenza di un ricorso presentato alla Commissione tributaria provinciale, la conciliazione permette di chiudere la lite in tempi brevi, evitando così il rischio e i costi di un eventuale proseguimento del contenzioso. La conciliazione giudiziale si applica a tutte le controversie per le quali hanno giurisdizione le Commissioni tributarie provinciali.
Concordato (v. Accertamento con adesione)
Condono fiscale
Provvedimento legislativo con cui viene data ai contribuenti la possibilità di definire in via agevolata vertenze, effettive o potenziali, con il Fisco.
Conguaglio
Determinazione definitiva delle imposte dovute in un dato anno, al fine di regolare le eventuali differenze a debito o a credito. Per quanto riguarda i redditi di lavoro dipendente, ad esempio, il datore di lavoro (sostituto d’imposta) è tenuto entro il mese di febbraio all’effettuazione del conguaglio fra le ritenute operate e le imposte dovute sui redditi di lavoro dipendente corrisposti nell’anno precedente.
Consiglio di presidenza della giustizia tributaria
Organo di autogoverno dei giudici tributari. Costituito con decreto del Presidente della Repubblica, dura in carica quattro anni ed è composto da undici membri eletti tra i giudici tributari e da quattro componenti eletti dal Parlamento tra professori universitari in materie giuridiche o tra i soggetti abilitati alla difesa dinanzi alle Commissioni tributarie.
Consolidato fiscale mondiale
Istituto opzionale che consente a società di capitali ed enti commerciali residenti di includere pro quota nella propria base imponibile i redditi conseguiti da tutte le controllate non residenti.
Consolidato fiscale nazionale
Istituto opzionale che permette ai gruppi di società residenti di determinare un’unica base imponibile ai fine Ires, pari alla somma algebrica dei redditi imponibili di ogni società che aderisce all’opzione.
Contenzioso tributario
(v. Processo tributario)

Roberto Pagano
www.lacontabilitaonline.net